ASCOLI PICENO – E’ possibile, con moderne tecnologie di costruzione, di miglioramento o di adeguamento, ridurre al minimo o addirittura eliminare completamente il rischio di crolli a seguito del terremoto. Lo affermano convinti gli “addetti ai lavori”, ovvero ingegneri, architetti e geologi e altri esperti in materia.

Giovedì prossimo, nel corso di un seminario nella Sala della Ragione del Palazzo dei Capitani ad Ascoli Piceno (8,45-19,20), dal titolo “Ricostruire, migliorare o adeguare sismicamente”, completamente gratuito, con rilascio anche di crediti formativi professionali, viene spiegato come il rischio terremoto si può concretamente combattere. L’organizzazione è dell’ENEA e del Comune di Ascoli Piceno con il patrocinio del GLIS (Gruppo di lavoro isolamento sismico e altre strategie di progettazione antisismica), Associazione Nazionale senza scopo di lucro, oltre ad altri Enti e Ordini Professionali. E’ l’occasione per una importante riflessione a due mesi dal terribile terremoto che ha colpito Arquata del Tronto, Amatrice e Accumoli. Ricostruire sì ma come? Con un’adeguata politica di prevenzione si poteva evitare questo come altri terremoti? Queste sono le domande a cui questo Seminario fornirà risposte.

Dopo il saluto del Sindaco Guido Castelli e del Vice Presidente della Regione Marche Anna Casini, si susseguono interventi di qualificati esperti provenienti da tutta Italia. L’attualità del tema in discussione ha stimolato un grande interesse tanto che gli iscritti hanno raggiunto presto il sold out.

“A seguito degli eventi sismici che hanno tragicamente colpito il Centro Italia nella notte del 24 agosto scorso – afferma il Dott. Giordano-Bruno Arato Responsabile delle Relazioni Esterne del GLIS – vengono organizzati dei seminari rivolti a tutti coloro che sono interessati alla costruzione, ricostruzione ed adeguamento di edifici capaci di fornire le migliori risposte in termini sismici, in particolare, quindi, ai professionisti e tecnici del settore per illustrare le più moderne tecnologie a disposizione. I seminari, con esclusive finalità informative e formative, si impongono di divulgare le più moderne tecnologie antisismiche come l’isolamento sismico, la dissipazione energetica e la cucitura attiva dei manufatti (metodo CAM) e si avvalgono di relatori esperti di valore riconosciuto sia a livello nazionale che internazionale”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 256 volte, 1 oggi)