TERMINIAMO QUI LA NOSTRA DIRETTA, DURATA PIU’ DI 24 ORE. OVVIAMENTE SEGUIREMO L’EVOLUZIONE DELLE NOTIZIE. DA PARTE DELLA REDAZIONE DI PICENO OGGI E RIVIERA OGGI UN CALOROSO ABBRACCIO A TUTTI COLORO CHE ANCHE QUESTA VOLTA HANNO SUBITO DANNI ALLE PROPRIE ABITAZIONI O AI PROPRI CARI.

SI RINGRAZIA PER LA REALIZZAZIONE DELLA DIRETTA: Leonardo Delle Noci, Valentina Trenta, Carlo Fazzini, Matteo Bianchini, Pier Paolo Flammini, Gian Marco Evo Marconi.

ORE 19:26 Scuole chiuse ad Ancarano, Colonnella, Sant’Egidio, Tortoreto, Nereto, Corropoli, Sant’Omero e Torano: per scopo precauzionale dato lo sciame sismico

ORE 19:07 A Monteprandone rimane chiusa la scuola ‘Maria Immacolata’ per realizzazione di lavori di pronto intervento atti alla rimozione e il ripristino di elementi non strutturali danneggiati. Si prevede la riapertura della struttura giovedì 3 novembre. Saranno aperti il 28 ottobre gli altri plessi scolastici della località Picena.

ORE 19:05 Sta per partire da Visso il primo pullman che trasporterà gli sfollati verso Civitanova Marche, secondo lo schema predisposto dalla Protezione civile che ha preferito non rimontare le tendopoli.

ORE 19 Il vicesindaco di Arquata del Tronto, Franchi, ha dichiarato: “Il Country House a Borgo è agibile, la popolazione può decidere se restare nel territorio oppure spostarsi negli alberghi di San Benedetto, nel caso di paura”.

ORE 18:55 “Il decreto del Governo sarà esteso ai Comuni colpiti dal sisma di ottobre” lo ha affermato Luca Ceriscioli dopo l’incontro con Matteo Renzi

ORE 18:45 Sisma, oltre 4 mila sfollati: “Situazione difficile, danni ingenti” fanno sapere dalla Regione Marche.

ORE 18:36 Anche a Martinsicuro, Ripatransone e Appignano del Tronto gli alunni torneranno a scuola il 28 ottobre.

ORE 18:21 Dichiarazioni di Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche: ”La priorità in questo momento sono le persone, che vanno ricollocate in qualche struttura. Con questa seconda fase del terremoto c’è stato un salto di qualità. Nella prima fase i luoghi erano stati colpiti ma i cittadini trovavano risposte in altre situazioni, sempre locali. Essendo molto cresciuto il fenomeno e molto maggiori i danni, anche questo tipo di soluzione non è più disponibile”

ORE 18:20 Matteo Renzi a Camerino: “Per Camerino e gli altri comuni coinvolti dal sisma di ieri l’impegno del governo è no alle tende, non ci prendiamo in giro”

ORE 18:15 Sono Civitanova Marche o San Benedetto del Tronto le possibili destinazioni costiere degli sfollati del nuovo evento sismico che ha colpito in particolare la provincia di Macerata. Lo ha detto il sindaco di Castelsantangelo sul Nera Mauro Falcucci.

ORE 17:55 Anche a Spinetoli si tornerà a scuola il 28 ottobre ma il sindaco Alessandro Luciani ha precisato: “Se in serata ci saranno altre scosse, rivaluteremo la chiusura”:

ORE 17.45 Il 28 ottobre torneranno nei banchi di scuola anche gli alunni di Acquaviva Picena, Colli del Tronto e Castorano. Non a Castel di Lama: scuole chiuse il 28 e 29 ottobre.

ORE 17 Diramato il comunicato ufficiale da parte del Comune di San Benedetto del Tronto: Dopo aver firmato l’ordinanza di chiusura delle scuole per oggi 27 ottobre, il sindaco Pasqualino Piunti ha dato incarico ai tecnici del Comune di effettuare le verifiche sulle condizioni dei plessi scolastici di competenza comunale. I tecnici del Settore Progettazione e Manutenzione Opere Pubbliche per tutta la mattinata sono stati dunque impegnati in queste verifiche, comprese quelle effettuate nelle due sedi universitarie (Unicam e Univpm), nei nidi d’Infanzia “Il Giardino delle Meraviglie” e “La Mongolfiera” e nel Centro Diurno per disabili CEDISER.  E’ stato accertato che non sono presenti segni che possano far pensare a danni alle strutture o alle murature di tamponamento o divisorie.
E’ stato altresì sentito l’Ufficio Tecnico della Provincia che ha confermato anche negli edifici delle scuole secondarie di secondo grado l’assenza di danni derivanti dal sisma.Pertanto domani tutte le scuole della Città riapriranno regolarmente.

ORE 16:18 Il Premier Matteo Renzi è arrivato a Camerino. Ai giornalisti accorsi ha affermato: “Italia più forte del terremoto”

ORE 16:15 “Si comunica che hanno dato esito positivo i sopralluoghi effettuati dai tecnici comunali nei plessi scolastici cittadini. Venerdì 28 ottobre, scuole aperte a San Benedetto” Con queste parole, diramate su Facebook, il consigliere comunale Stefano Muzi annuncia la notizia della riapertura. Conferma arrivata anche dal primo cittadino sambenedettese: “E’ in arrivo un comunicato, tutto ok dai sopralluoghi effettuati”.

ORE 16:05 Protezione Civile: “Manca acqua a Sefro, Camerino e Pievetorina e i tecnici stanno provvedendo a ripristinare il servizio.
Per quanto riguarda la viabilità sono tutte funzionanti le strade marchigiane di competenza dell’Anas. La Salaria è stata riaperta ad un senso di circolazione all’altezza di Pescara del Tronto. Un ferito codice giallo di Visso ricoverato a Camerino (frattura di femore). Il Pronto soccorso di Camerino è attivo e superata la fase di maggior afflusso ha ricoverato 3 traumi cranici minori in osservazione”.

ORE 16 Presidente Regione Marche, Luca Ceriscioli: “Nuovo sisma aggrava la situazione. Grande collaborazione istituzionale per dare immediate risposte alla popolazione”.

ORE 15:55 I comuni interessati dal nuovo sisma sono Visso, Ussita, Pievetorina, Acquacanina, Montecavallo, Fiastra, Pievebovigliana, Caldarola, Camerino, Muccia, Serrapetrona, Cingoli, Matelica, San Severino Marche, Tolentino, Caldarola, Fiuminata, Castel Sant’Angelo sul Nera, Sefro e Pioraco. E’ la prima rilevazione del Cor (Centro operativo regionale), che ha dato questa informazione al Dicomac

ORE 15:45 Il sindaco di San Benedetto del Tronto, Pasqualino Piunti, raggiunto al telefono da Riviera Oggi ha affermato: “I sopralluoghi effettuati nella mattinata non hanno riscontrato danni alle strutture, anche scolastiche. Sono ancora in corso alcuni controlli che devono essere naturalmente molto scrupolosi. A breve faremo sapere notizie sulla riapertura delle scuole”.

ORE 15:40 Nessun danneggiamento agli edifici pubblici del comune di Grottammare. Scuole aperte il 28 ottobre

ORE 15:30 Vasco Errani: “Molti danni al patrimonio culturale”

ORE 15:05 Il sindaco di Ascoli, in accordo con il presidente della Provincia di Ascoli, ha disposto la sospensione delle attività didattiche delle scuole di ogni ordine e grado, compresi gli Istituti universitari nonché gli asili nido, su tutto il territorio della città di Ascoli per i giorni 28-29 ottobre. La decisione è stata adottata alla luce della necessità di proseguire e completare i sopralluoghi ed i controlli già avviati da stamattina sulle strutture scolastiche

ORE 14:55 Controlli ad Offida. Venerdì 28 ottobre tutte le scuole di ogni ordine e grado saranno regolarmente aperte. Criticità segnalate al Palazzo Comunale e alla chiesa di Santa Maria della Rocca.

ORE 14:45 Anas ha riaperto al traffico in entrambe le direzioni la strada statale 685 “delle Tre Valli Umbre” (Spoleto-Norcia), chiusa nella serata di ieri in località Biselli, tra Cerreto di Spoleto e Serravalle (PG), in seguito alla caduta di alcuni massi provocata dal sisma che ha interessato il Centro Italia nelle ultime ore.

ORE 14:10 Annullate dal comitato di quartiere San Filippo Neri di San Benedetto tutte le iniziative in programma. Compresa l’assemblea pubblica che si doveva svolgere il 28 ottobre.

ORE 14:05 Le squadre tecniche del Comune di Spinetoli hanno iniziato dalle 8 di questa mattina le verifiche sui plessi scolastici, pubblici e privati, della scuola dell’obbligo (asili nido compresi). Ogni decisione circa l’apertura o meno delle scuole nella giornata di domani sarà, ovviamente, subordinata all’esito delle verifiche.

ORE 14 Liberate cinque persone bloccate da una frana ad Acquasanta dalla sera del 26 ottobre. Intervento dei pompieri.

ORE 13:15 Vasco Errani alle popolazioni colpite dal sisma: “Ricostruiremo tutto e non vi abbandoneremo”

ORE 13 Il Premier Matteo Renzi è atteso nel pomeriggio del 27 ottobre nella zone del Maceratese gravemente colpite dal sisma. Il Governo, nel frattempo, estende lo stato d’emergenza: stanziati 40 milioni di euro.

ORE 12:50 “Proseguono le verifiche nelle scuole senza registrare danni alle strutture. Continua lo sciame sismico pertanto In considerazione dell’incontro avvenuto in Provveditorato con i dirigenti scolastici della Provincia di Teramo, in accordo con il Presidente della Provincia, le scuole resteranno chiuse anche nelle giornate di venerdì e sabato” queste le parole del sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi.

ORE 12.40 Provincia di Teramo: Monitoraggio post sisma. Non si rilevano criticità, controlli sulle strutture strategiche. Nessuna segnalazione al numero verde per le emergenze. Da stanotte tecnici e ingegneri stanno controllando le strutture strategiche, ponti e scuole in particolare gli istituti che avevano già subito lesioni nel 2009 e quelli dove sono in corso lavori di miglioramento sismico. Sotto monitoraggio i ponti di montagna a confine con le Marche, zona Monti della Laga, poi il ponte di Aprati (già lesionato e sul quale sono in corso dei lavori). Al momento non si segnalano problemi sulla rete viabile provinciale. In queste ore il presidente Di Sabatino è in contatto con i Sindaci per verificare se anche in altri Comuni oltre che a Teramo, dove le scuole restano chiuse venerdì 28 e sabato 29 ottobre, si deciderà di lasciare gli studenti a casa.

ORE 11:30 PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE Si raccomanda di non inviare generi alimentari o vestiario. Sono oltre 4 mila le persone al momento assistite direttamente nelle località colpite dal terremoto. Non si esclude che una parte di questa venga spostata negli alberghi della costa adriatica.

ORE 11 Video dei Vigili del Fuoco su Camerino

ORE 11 Oltre la scossa segnalata di magnitudo 4.4 Richter, continuano le scosse di assestamento con una frequenza impressionante, tutte nella zona del Maceratese. Praticamente una ogni 10 minuti con intensità media di 3 gradi Richter.

ORE 11 Anche a Grottammare nella nottata si è tentato di dare una minima consolazione ai cittadini impauriti per le scosse della serata. Il Coc, Centro Operativo Comunale, è rimasto aperto dalle 22 alle 1:15. Questa mattina sono in corso verifiche sulla stabilità delle scuole e altri edifici pubblici.

ORE 10:25 Ancora una scossa forte nel Maceratese: 4,4 Richter

ORE 10:30 Riaperta la Salaria a Pescara del Tronto senso unico alternato https://www.picenooggi.it/2016/10/27/38406/riaperta-la-salaria-a-pescara-del-tronto-senso-unico-alternato/

ORE 10:15 Sono a lavoro quasi mille unità dei Vigili del Fuoco

ORE 9:45 A San Benedetto tre gruppi di tecnici comunali stanno verificando se le strutture comunali hanno subito dei danni. A Monteprandone è stato allestita una “camea

ORE 9:45 Le squadre tecniche del Comuni di Ascoli Piceno hanno iniziato dalle 8 di questa mattina le verifiche sui plessi scolastici, pubblici e privati, della scuola dell’obbligo (asili nido compresi). La polizia municipale, con apposite pattuglie, si recherà in ciascuna frazione del territorio comunale per controllare lo stato dei luoghi. Ogni decisione circa l’apertura o meno delle scuole nella giornata di domani sarà, ovviamente, subordinata all’esito delle verifiche.

ORE 9:40 Chiusa la ex biblioteca ad Acquaviva Picena.

ORE 9:30 Curcio, Errani e Ceriscioli a Tolentino e Ussita per sopralluoghi https://www.picenooggi.it/2016/10/27/38389/terremoto-curcio-errani-e-ceriscioli-a-tolentino-e-ussita-per-sopralluoghi/

ORE 9:30 Mauro Franchi vicesindaco di Arquata: “Questa notte molti hanno dormito nella tenda della mensa, qualcuno in auto, qualcuno ha trovato ospitalità tra i parenti, altri sono rimasti nel tendone della mensa allestita dopo il terremoto del 24 agosto. Stiamo cercando di riportare la calma e stiamo agendo per evitare che altre persone abbandonino Arquata, perché sarebbe il colpo finale. 

Nella notte ci sono stati altri crolli, è venuta giù la Torre della Rocca, la Pretura, altre abitazioni nella zona rossa e si segnalano crolli in tutte le frazioni. In questo momento stiamo tentando a mettere in sicurezza le abitazioni che magari sono agibili e che potranno riaccogliere i residenti, è fondamentale poter fare questa operazione per ridare speranza ad Arquata. Purtroppo l’eccesso di burocrazia in questi casi non ci aiuta e rallenta il nostro intervento, rischiamo di mandare 800 persone al mare e sarebbe la fine per noi, non possiamo ricominciare l’iter di agosto. Certo c’è chi ha paura, ma non possiamo essere governati dalla paura se non per l’emergenza di pochi giorni. Quando parlo di burocrazia parlo della verifica della sicurezza estrema o dei vincoli del Ministero dei Beni Culturali per la messa in sicurezza di case oramai inagibili che però non possono essere buttate giù subito perché vincolate e che creano scompensi a tutto l’intorno. Non possiamo neanche ripiantare delle tende perché il 27 ottobre qui in montagna diventa difficile resistere. Le persone si stavano adattando, stava tornando la fiducia, ora si ricomincia daccapo”.

ORE 8:50 Continua lo sciame sismico molto intenso in tutta la zona dell’Appennino tra Macerata e Perugia. Scosse ripetute a distanza di pochi minuti l’una dall’altra, di intensità tra i 2 e i 3 gradi Richter. La più forte grado 3,2 alle 7:48

ORE 8:20 La Protezione civile afferma che a breve verrà riaperta la Salaria.

ORE 8 Dopo l’evacuazione degli ospedali tra Tolentino, Matelica e Cingoli, è stato evacuato anche il carcere di Camerino, con i detenuti trasferiti a Rebibbia.

ORE 8 Sopralluoghi nella notte per i Vigili del Fuoco in tutte le Marche e nella Provincia di Ascoli. Doppio turno di lavoro per sopperire alla nuova emergenza.

ORE 2 Protezione Civile Marche: “Al momento risultano un centinaio gli sfollati”

ORE 1:45 Un uomo di 73 anni è morto per un infarto a Tolentino, presumibilmente per lo choc provocato dal terremoto. E’ la prima vittima ‘indiretta’ del sisma

ORE 1:05 Arquata del Tronto: Malati e anziani nella tenda mensa di Borgo. Famiglie con bambini negli alberghi di San Benedetto del Tronto.

ORE 1 Regione Marche: evacuati ospedali Tolentino, Matelica e Cingoli

ORE 00:40 Crolli nelle chiese anche ad Amandola

ORE 00:30 Scrive il sindaco di Monsampolo Caioni: “I cittadini di Monsampolo del Tronto che lo desiderano possono confluire nel Palazzetto dello Sport di via GB Corradi per trascorrere la notte. Anche il bar del bocciodromo in piazza Bachelet resterà aperto durante la notte e la Federvol Protezione Civile è mobilitata e presente sul territorio”

ORE 00:15 Chiusa la Salaria ad Arquata del Tronto, precisamente nella frazione di Pescara, dove il sisma del 24 agosto provocò decine di vittime.

OFFIDA: attivato il COC (Centro Operativo Comunale) presso la sede del gruppo comunale di Protezione Civile di Offida. Per coloro che non se la sentono di rimanere nelle proprie abitazioni stiamo predisponendo la disponibilità, per l’intera notte, delle seguenti strutture comunali: – Casa del Quartiere Borgo Miriam – Casa del Quartiere San Barnaba – Rovecciano “Circolo Belvedere” – Casa del Quartiere Santa Maria Goretti “Circolo Elio Fabrizi” – Palazzetto dello Sport “Giovanni Vannicola”

ORE 00:05 Parla Curcio, presidente nazionale Protezione Civile, a Rieti: “A Matelica è in corso una parziale evacuazione. La situazione non è molto cambiata e questo è positivo rispetto a prima. Diciamo che rispetto ad una scossa così potente non abbiamo situazioni catastrofiche come ci si poteva attendere, per fortuna. Negli ospedali abbiamo feriti con codici gialli, non sembra ci siano emergenze estreme. Cerchiamo di evitare gli spostamenti, la viabilità è in fase di valutazione”.

ORE 23:42 Altra forte scossa, magnitudo 4.6, sempre nella zona oggetto del sisma precedente.

ORE 23:50 RaiNews, il sindaco di San Ginesio Mario Scagnetti: “Situazione tragica, piove a dirotto per cui non è facile capire cosa è accaduto, sono crollate chiese e abitazioni. Le persone sono in piazza in automobile. Le case sono lesionate ma adesso non sappiamo come. I crolli sono fatti nuovi da noi, sono visibili ed evidenti. Mezza ala della Rsa non è più agibile

CONTINUA LA SCIAME SISMICO Alle 23:40 un’altra scossa rilevante, 3,7 in provincia di Perugia

ORE 23:40 Il vicesindaco di Acquasanta Gigi Capriotti a RaiNews: “Abbiamo paura perché sentiamo molti crolli nella montagna, abbiamo paura perché con la pioggia e il buio non riusciamo a capire cosa accade, sentiamo che la montagna è in movimento ma non sappiamo come. Siamo bloccati da una strada, nessun soccorso fino a domani”.

ORE 23:20 Tantissimi cittadini hanno deciso di dormire in auto, nonostante il clima inclemente, in tutte le Marche. Ad Ascoli tantissime persone nelle strade, a San Benedetto del Tronto piazzale dello stadio pieno di automobili

ORE 23:20 Vi sono 8 feriti a Fabriano a causa di un crollo di una parte di un edificio. La popolazione si è riversata all’interno di due palazzetti dello sport cittadini.

ORE 23:15 MACERATA Il Comune invita tutti i residenti a lasciare libere le strade per consentire il transito dei mezzi di sicurezza e di spostare le auto verso Villa Potenza, Helvia Recina, Valleverde, Piediripa, Santa Lucia.

ORE 22:50 Scuole chiuse anche ad Acquaviva Picena.

ORE 22:25 Gravi crolli anche nel centro storico di Camerino e San Ginesio. Il Maceratese è stato duramente colpito.

ORE 22:25 Scuole chiuse anche a San Benedetto del Tronto il 27 ottobre. Anche a Ripatransone e Grottammare scuole chiuse. Decisione presa anche a Martinsicuro e Villa Rosa.

ORE 22:20 A Cupra Marittima scuole chiuse il 27 ottobre

ORE 22:20 Marco Rinaldi sindaco di Ussita: “Situazione di estrema difficoltà e pericolo, l’epicentro è nel territorio comunale, abbiamo un patrimonio immobiliare compromesso, crolli dappertutto, crollate le chiese. Una situazione estremamente difficile e brutta. Stanno arrivando i vigili del fuoco, abbiamo grossi problemi con i cedimenti e crolli dei costoni rocciosi. Non sembra ci siano feriti perché nessuno era in casa a causa della scossa precedente, erano tutti in strada. Ci sono crolli dappertutto, persino le mura di cinta sono crollate”.

ORE 22:20 Il Comune di Giulianova ha deciso di chiudere le scuole nella giornata di domani.

ORE 22:15 Teramo, università chiusa domani.

ORE 22:10 Pierpaolo Masciotti, sindaco di Preci: “Non ci sono vittime né feriti, ci stiamo adoperando per capire bene cosa sia accaduto, abbiamo le case chiuse verso Visso e Norcia, c’è un enorme masso che ha bloccato le strade”

ORE 22:10 Due feriti a Visso, questo il dato ufficiale per ora.

ORE 22 Ussita distrutta. Crolli devastanti nel centro storico del paesino marchigiano. Le prime immagini arrivano da twitter. Forse il caso ha voluto che pochissima gente fosse dentro le abitazioni, nonostante la pioggia battente, perché la scossa delle 19:10 aveva terrorizzato la popolazione che era pronta a trascorrere la notte fuori dalle case.

ORE 21:50 Dopo Ascoli, anche il Comune di Fermo ha deciso di tenere le scuole chiuse nella giornata di domani, 27 ottobre.

ORE 21:50 Aleandro Petrucci sindaco di Arquata: “Dopo questa seconda scossa stavamo nel tendone della mensa, c’è chi è svenuto, ora stiamo approntando i letti, nessuno vuole tornare nelle case. Crediamo che nella zona rossa ci sono stati altri crolli, ma adesso non ci vive nessuno, grande spavento ma non ferite, le case più squarciate di prima, tra la scossa e la pioggia. Sotto il tendone siamo circa 70 persone”

ORE 21:45 Michele Franchi, vicesindaco di Arquata: “Più dura della prima, ci sono altri crolli ad Arquata, le persone hanno paura, stiamo allestendo nel tendone dove si fa la mensa c’è tanta gente. Sono state due scosse una più forte dell’altra”.

ORE 21:40 Mauro Falcucci sindaco di Castelsantangelo sul Nera a RaiNews: Il dramma aumenta, uno sciame significativo, l’energia elettrica è andata via di nuovo, abbiamo visto una nuvola alzarsi sul centro storico. Il momento è tragico, al momento non abbiamo notizie di feriti. Ci sono crolli”.

ORE 21:35 Black out ad Ascoli e a Centobuchi di Monteprandone. Molte persone sono in strada. In tutte le Marche a seguito della scossa del primo pomeriggio

ORE 21:30 Un inviato della Rai conferma crolli nella zona di Visso. Strade bloccate.

ORE 21:20 L’epicentro è sempre in provincia di Macerata, la profondità a 8 chilometri.

ORE 21:20 Sospesa a Pescara la partita di campionato di Serie A

ORE 21:25 Vi diamo con certezza il fatto che vi siano stati altri crolli nella zona di Arquata, precisamente a Pretare.

ore 21:24 Scusate ma è difficile aggiornare le  notizie dopo aver sentito una scossa che a nostro avviso è forte come quella del 24 agosto. Le case hanno tremato intensamente e a lungo come forse mai accaduto nel sud delle Marche. La scossa è di 5,9, nelle Marche. Quella del 24 agosto su del 6.0

ORE 21.19 Terrore nelle Marche. Scossa fortissima. Una preghiera

ORE 20:45 Ad Ascoli domani le scuole resteranno chiuse per sopralluoghi e verifiche, l’epicentro del sisma dista 65 km dal capoluogo di Provincia.

ORE 20: 44 A Visso ci sarebbe un ferito dovuto al crollo di un controsoffitto secondo l’Ansa.

ORE 20:40 Nuova scossa di magnitudo 3.4 con epicentro in provincia di Perugia.

ORE 20:35 Protezione Civile su Twitter : “Segnalati crolli ma nessun ferito fino ad ora”.

ORE 20:35 Squadre della Protezione Civile sono in viaggio verso le zone colpite dalla scossa. Porteranno torri faro perché le zone sono rimaste al buio e sotto una pioggia battente.

ORE 20:28 Ancora Curcio, il quale da fonti riportate da Sky avrebbe detto che “al momento non risultano feriti”.

ORE 20:25 Il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio: “Chiusa la strada Salaria in via precauzionale.”

ORE 20:22 Ad Amatrice ed Accumoli sono saltate le linee telefoniche.

ORE 20:20 Per l’Ansa Ussita, Visso e Preci sarebbero i comuni coinvolti assieme a Castelsantangelo sul Nera con decine di chiamate ai Vigili del Fuoco.

ORE 20:10 Aleandro Petrucci, Sindaco di Arquata a Sky: “Questa scossa ci è sembrata più forte di quella del 24 agosto è tornata la corrente dopo che per qualche minuto eravamo rimasti senza luce. Ho fatto sgomberare un albergo in cui c’erano 50 sfollati, c’è tanta paura”.

ORE 20:00 Il Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi parla di crolli anche nella sua cittadina, si tratterebbe in ogni caso di edifici sgomberati e già lesionati.

ORE 20:00 Da Visso segnalano crolli in una chiesa.

ORE 19:45 Le linee elettriche sono saltate nella zona dell’epicentro mentre la Protezione Civile segnala problemi nella viabilità. Si segnalano purtroppo crolli e danni.

ORE 19:30 Il terremoto è avvenuto alle 19:10 a Castel Sant’Angelo sul Nera, nell’Appennino Umbro-Marchigiano, provincia di Macerata al confine con l’Umbria. La magnitudo registrata è stata di 5,4° Richter (il terremoto di Amatrice-Accumoli-Arquata del 26 agosto fu del 6° grado). L’epicentro è avvenuto ad una profondità di 9 chilometri.

La scossa segue un lungo sciame sismico che sta attraversando tutto il Centro Italia dal 26 agosto, con scosse anche in Lucania e Toscana come quella di ieri, 25 ottobre, di magnitudo 3.4.

Sempre nella zona, a distanza di pochi minuti, si sono avvertite altre due leggere scosse tra 2,5 e 2,6° Richter. Si prepara una notte difficile sull’Appennino Centrale. La terra ha tremato e non sarà facile, per molti, immaginare che tutto torni quieto, purtroppo.

ORE 19:15 Scossa di terremoto avvertita nitidamente nel sud delle Marche alle 19:10.

L’epicentro stante alle prime rapidissime notizie che abbiamo trovato su Twitter dovrebbe essere in Umbria. Si tratta di una scossa molto forte.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 41.419 volte, 1 oggi)