ASCOLI PICENO –  Vedremo più la Curva Sud del “Del Duca”, piena di tifosi bianconeri pronti a sostenere l’Ascoli? Il recente sisma ha accentuato problematiche già esistenti, tanto che il match con la Virtus Entella previsto per saabto 5 novembre è stato rinviato. Si è tenuta stamattina la riunione della Commissione di vigilanza dei locali di pubblico spettacolo per verificare le condizioni dello stadio “Del Duca” di Ascoli Piceno dopo le ultime scosse di terremoto e per analizzare le conseguenti procedure amministrative. “Abbiamo fatto una serie di scelte- dichiara il sindaco Guido Castelli-, a partire dall’attivazione, come nel caso delle precedenti scosse, di prove di carico per documentare lo stato di solidità del nostro impianto”.

Sulla curva sud dello stadio, il sindaco Castelli dichiara ad Arengo tv:”Ulteriori detriti sono caduti a terra dopo la scossa di domenica inoltre sono stati notati alcuni disallineamenti rispetto agli elementi strutturali della curva che dovranno essere indagati in maniera approfondita. C’è ancora del tempo prima della prossima partita interna dell’Ascoli contro il Perugia  ma è evidente che oggi ho già dovuto comunicare questa situazione, che speriamo possa essere contenuta, alla Lega di Serie B”.

Uno stadio senza Curva Sud quindi, un ipotesi che si fa sempre più largo:”Deve essere valutato anche un piano B. Una delle ipotesi è quella di spostare i tifosi dalla curva sud alla curva nord con una serie di correzioni e rettifiche per quanto concerne il poter ospitare supporters di squadre avversarie. Non era presente alla riunione della Commissione l’amministratore unico dell’Ascoli Andrea Cardinaletti- aggiunge Castelli- scriverò al club di Corso Vittorio Emanuele una lettera per informarli di una necessità di prevedere anche un piano B qualora la curva sud non dovessere essere più utilizzabile. Noi andiamo avanti con il coraggio e la determinazione di sempre”

Le parole del Sindaco Castelli nel video arengo tv

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 234 volte, 1 oggi)