MONTEGALLO – Il sisma del 24 agosto aveva colpito fortemente il comune di Montegallo e le sue numerose frazioni, l’assistenza alla popolazione era arrivata subito, come l’installazione della tendopoli, due campi anche con tende nelle frazioni.

Dopo il sisma i danni sono stati numerosi, chiusa la strada Polverina-Propezzano e  la strada per Balzo aperta solo con il senso alternato di marcia , dopo la scossa del 30 ottobre è stata completamente chiusa e ci sono problemi anche sulle altre strade come il ponte  che porta a Balzo ci sono problemi di sicurezza.

Dopo la scossa del 24 agosto nessuna chiesa è più agibile nel comune,  poi dopo i sopralluoghi e i rilevamenti i cittadini hanno sperato in un intervento ma non è stato fatto nulla e Santa Maria in Pantano, chiesa del’700 è implosa e tutto il patrimonio artistico se non ci sarà un intervento immediato da parte della sovraintendenza dei beni culturali, si perderà. Nel frattempo per mettere in sicurezza le persone c’è stata l’evacuazione totale del paese, tutti i cittadini del comune sono a Grottammare, in attesa che passi lo sciame sismico per poi provvedere ai sopralluoghi. 

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 917 volte, 1 oggi)