ROMA – Durante la riunione dei sindaci dell’area del terremoto avvenuta a Roma nella mattinata del 7 novembre alla Camera dei Deputati (CLICCA QUI), alla presenza della presidente Laura Boldrini, hanno fatto “rumore” gli interventi dei primi cittadini di Amatrice e Arquata del Tronto.

“Ho la sensazione che qualcuno ci stia abbandonando e se fosse così sarebbe grave perché noi non vogliamo essere solo un borgo da cartolina. Io la fascia da sindaco la rimetterò soltanto quando avrò la certezza che non sarò abbandonato – ha affermato il sindaco Stefano Pirozzi di Amatrice – Ma sono sicuro che nessuno abbandonerà nessuno perché dimostreremo che non siamo bravi solo in 10 giorni ma in 365″.

“C’è una differenza tra dieci giorni e due mesi. Comprendiamo che ora l’attenzione è tutta rivolta ai Comuni colpiti dall’ultimo terremoto ma ci sentiamo leggermente trascurati – ha affermato il primo cittadino di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci – Nel mio comune non c’è neanche una persona. Si è fermato tutto, non c’è neanche una mensa, un esercizio aperto per comprare un panino. I conteggi per le casette siano da rifare dopo il sisma del 30 ottobre. Le istituzioni sono sempre presenti, certo, ma i fari ora sono tutti puntati su Norcia, eppure il territorio è lo stesso”.

“Oggi mi sento di dire a tutti i sindaci colpiti dal terremoto che non vi abbandoneremo, nel senso che condivideremo la sfida e l’impegno per il ritorno alla normalità” lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del consiglio Claudio De Vincenti intervenendo alla Camera nel giorno della presenza dei sindaci italiani in Parlamento.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 273 volte, 1 oggi)