ASCOLI PICENO – I cittadini dei comuni colpiti dal terremoto continuano a dormire nelle proprie auto o nei punti allestiti dai comuni, palestre o altri edifici sicuri. La paura e l’angoscia continuano ad essere una costante nello stato d’animo della popolazione.

Un’altra notte senza tregua quella dell’8 novembre, dopo la scossa  di magnitudo 3.8 di ieri sera alle ore 19.56, nella nottata ci sono state circa 40 scosse  registrate dall’Ingv: la più forte è quella di magnitudo 3.4 delle ore 7 e i comuni più vicini all’epicentro sono stati Arquata del Tronto (Ascoli Piceno), Norcia (Perugia) e Castelsantangelo sul Nera (Macerata))

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 179 volte, 1 oggi)