ASCOLI PICENO – Il Vescovo di Ascoli Piceno, monsignor Giovanni D’Ercole, lancia una proposta: contribuire alla realizzazione e all’installazione di piccole chiese in legno o in materiali prefabbricati per rispondere alle esigenze delle comunità locali rimaste senza il luogo sacro dove riunirsi per la messa e le altre funzioni religiose

Scrive mons. D’Ercole sul suo profilo Facebook: “Il terremoto del 24 agosto e successivamente quello del 30 ottobre hanno messo a dura prova tutti noi e in particolare le nostre comunità con le chiese . Molte sono lesionate. Molte di più inagibili o totalmente crollate”. “Abbiamo bisogno di riorganizzare la speranza dando ad ogni comunità un luogo per potersi incontrare, ricominciare e celebrare l’eucaristia”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 75 volte, 1 oggi)