ANCONA – Nella serata del 9 novembre il presidente della Regione Marche ha incontrato le associazioni di categoria e le parti sociali in merito alla situazione post sisma. Nel corso dell’incontro si è fatto il punto sui decreti che il governo ha preparato, elencando i provvedimenti, concentrandosi nella prima fase post emergenza.

“La situazione attuale non corrisponde a quella del 24 agosto – ha spiegato il presidente Ceriscioli – si è ampliato il perimetro delle aree colpite, si sono allargati e sono cambiati i temi, quindi bisogna mettere in gioco modelli e strumenti adeguati. Il nuovo decreto, in uscita in questi giorni, quindi, stabilisce e rafforza i criteri di emergenza per l’avvio delle ricostruzioni”.

Le associazioni che hanno aderito e partecipato all’iniziativa: Associazione italiana allevatori, CIA, Coldiretti, Confagricoltura, Copagri, Casartigiani, Claai, CNA, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, AGCI, Confcooperative, Legacoop, UE.Coop, Unci, Confapi, Confindustria, confservizi Cispel, CGIL, Cisl, UIL, Ugl, centro Agroalimentare di Macerata.

“Le piccole attività commerciali – aggiunge – che hanno necessità di rimettersi subito in moto sono ovviamente il cuore di questa fase”. Con il nuovo decreto si allargherà la possibilità di assistenza alle imprese e per i lavoratori. Come regione intendiamo integrare nelle agevolazioni quelle imprese che si troveranno fuori dal cratere, per offrire a tutti gli stessi strumenti. Anche rispetto alle situazioni minori intendiamo fornire risposte significative, utilizzando le donazioni”.

Allo stesso modo un lavoro importante da parte della regione si sta facendo nei confronti dei cittadini con disabilità o non autosufficienti. Inoltre si è fatto il punto sulle richieste di cassa integrazione in deroga per i lavoratori. Sono infatti arrivate ancora poche domande, circa una ventina. Il dirigente della regione che era presente all’incontro ha invitato le parti sociali ad informare rispetto a questo prezioso strumento.

Intanto, ha annunciato il presidente, “per ricollocare le piccole attività commerciali, gli uffici regionali stanno partendo, in contatto con i sindaci, con una ricognizione per valutare il posizionamento di container nei borghi colpiti dal sisma. In questi casi, per esempio, il meccanismo del lucro cessante potrà essere molto utile. Invece per chi non ha possibilità di riprendere la propria attività in loco potremmo prevedere meccanismi analoghi alla cassa integrazione in deroga”.

Nel corso dell’incontro è stato trattato anche il tema degli alberghi che insieme con le amministrazioni comunali della costa stanno accogliendo ormai ottomila cittadini colpiti dal sisma, “per quanto riguarda il pagamento delle fatture agli alberghi, la Regione Marche ha finora evaso tutte le fatture complete. Per velocizzare ulteriormente i pagamenti, sarà inviato un vademecum che consentirà di produrre il documento corretto, completo di tutte le autocertificazioni richieste”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 54 volte, 1 oggi)