ANCONA – Il Capogruppo di Forza Italia del Consiglio Regionale delle Marche, Jessica Marcozzi, polemizza sul nuovo cratere e si schiera dalla parte dei Comuni esclusi. Riportiamo una nota diramata dal capogruppo.

Ci risiamo, nessuno provi a fare figli e figliastri, men che meno sui drammi. In queste ore sta circolando una lista sui nuovi Comuni inseriti dal commissario per il terremoto Errani nel cosiddetto “cratere”. E per il Fermano spiccano l’assenza del Comune capoluogo, che ha subito ingenti danni almeno al pari di altre municipalità, anche fuori dalla nostra Regione, che invece figurano nel cratere. Mancano anche due Comuni della portata di Sant’Elpidio a Mare e Montegranaro con, anch’essi, danni e sfollati. Parliamo, in totale, di oltre 160 sfollati. Figliastri per il Governo e per il commissario Errani? Noi non ci stiamo. Inopportuno soffermarsi sulle distinzioni tra l’essere all’interno o all’esterno del cratere. Cambia “solo” il riconoscimento parziale del 50% anziché 100% dei danni sulle seconde case site fuori dai centri storici e dai borghi e non affittate a persone che le usano come abitazioni principali? Bene. Ma pur sempre di danni si tratta. Pur sempre di “ferite”. Pur sempre di oneri economici che i cittadini devono affrontare per sistemare le loro proprietà. L’ennesimo episodio in cui il Governo abbandona i cittadini, e il Fermano. Si perché se è vero che la lista è stata ampliata, restano fuori Fermo, Montegranaro, Sant’Elpidio a Mare con tutti i danni, gli sfollati, abitazioni e scuole inagibili, strutture pubbliche lesionate, chiese pericolanti. Qui qualcuno si è dimenticato della nostra provincia. Qui qualcuno non si è fatto valere nelle sedi opportune rappresentando degnamente il nostro territorio. Ma qui nessuno è disposto all’ennesimo affronto, non siamo e non saremo mai la “Cenerentola” per nessuno e di nessuno, men che meno del centrosinistra.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 76 volte, 1 oggi)