ACQUASANTA TERME – “La scelta di fare una struttura scolastica definitiva, così come faremo in altri zone colpite dal terremoto, rappresenta la speranza per il futuro”. Lo ha detto il commissario alla ricostruzione Vasco Errani ad Acquasanta Terme, intervenendo all’inaugurazione della scuola dell’infanzia e primaria in legno, donata da Ubi Banca e dalle Misericordie d’Italia e avvenuta il 27 novembre.

“Da questa struttura iniziamo a ricostruire meglio ed in sicurezza affinché in futuro nessuna persona rimanga sotto una pietra a causa del terremoto. Ma tutto questo – ha ammonito Errani – riuscirà solo se ci daremo una mano”. Sulla ricostruzione delle zone colpite dai tanti terremoti nel centro Italia, Errani ha aggiunto che “non possiamo non ricostruire questa parte della nostra nazione perché altrimenti non sarebbe più la nostra Italia”.

Il commissario guarda al futuro: “dobbiamo ridare lavoro, conoscenza, stabilità alla gente di questi luoghi. Abbiamo davanti a noi mesi difficili, ma questa scuola è per tutti un messaggio fortissimo”.

Alla cerimonia è intervenuto anche il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. “La costruzione di questa scuola in tempi brevissimi – ha detto – è il risultato di una sinergia fra tutte le componenti dello Stato e le amministrazioni locali, oltre a tutte le persone che vi hanno lavorato. Errani ora ha il compito più difficile, quello di rendere questi sforzi duraturi nel tempo. Una serie di persone ed intelligenze – ha concluso – sta lavorando al futuro di queste aree”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 251 volte, 1 oggi)