ASCOLI PICENO – Si rende noto che, con ordinanza n. 652 del 28 novembre, l’amministrazione di Ascoli ha disposto che la macellazione dei suini presso abitazione private potrà avvenire dal 3 dicembre 2016 al 31 gennaio 2017 nel rispetto delle seguenti disposizioni:

La macellazione dovrà essere effettuata senza arrecare disturbo alle abitazioni vicine, nel rispetto delle basilari norme igieniche;

E’ fatto obbligo al personale addetto alla macellazione dei suini di procedere, prima del dissanguamento, allo stordimento degli animali in conformità alla normativa vigente, nel rispetto del benessere animale e delle corrette prassi igieniche;

Possono essere macellati solamente animali in buono stato di salute. Il riscontro di qualunque anomalia evidente, prima, durante e dopo la macellazione, riscontrabile sul suino, sulle carni o sulle frattaglie, va segnalata al servizio veterinario competente per territorio;

In caso di riscontro nei visceri di lesioni riferibili a patologie proprie della specie, gli stessi devono essere smaltiti a norma di legge;

Il trasporto dei visceri da sottoporre a visita sanitaria deve essere effettuato utilizzando contenitori rigidi a tenuta;

Il consumo delle carni potrà avvenire soltanto dopo l’effettuazione della visita sanitaria con esito favorevole dei seguenti visceri: lingua, Tonsille, Esofago, Trachea, Cuore, Polmoni, Diaframma, Fegato, Milza e Reni ed effettuazione dell’esame Trichinoscopico, entrambi con esito favorevole.

L’Amministrazione ha altresì stabilito che:

prima della macellazione è necessario effettuare il versamento di Euro 8,49 per ogni suino macellato, mediante CC/P. n° 10778637 o CC/P n° 33133166 specificando nella causale “Macellazione suini a domicilio” oppure COD. 628, intestato a: ASUR MARCHE Area Vasta 5, Servizio Tesoreria Diritti Veterinari;

Conservare la ricevuta e l’attestazione di pagamento della tariffa, fino al momento della visita a dimostrazione della regolarità della macellazione stessa;

Consegnare la ricevuta al Medico Veterinario al momento della visita e conservare l’attestazione di avvenuta prestazione per eventuali controlli;

Per le infrazioni di cui al Reg. 1099/2009 CE è prevista salvo che il fatto costituisca reato una sanzione amministrativa da €. 1.000,00 a €. 3.000,00 conciliabili in via amministrativa entro 60 giorni dalla notifica o contestazione;

Per le altre infrazioni verranno applicate le sanzioni previste dalla normativa vigente.

http://www.comuneap.gov.it/…/ServeBLOB.…/L/IT/IDPagina/11387

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 92 volte, 1 oggi)