ASCOLI PICENO – Il Comitato per il No di Ascoli Piceno traccia un bilancio della sua attività e del voto referendario dello scorso 4 dicembre e rilancia il suo attivismo in merito alla legge elettorale che il Parlamento dovrà scrivere in vista dell’imminente voto nazionale.

“Il comitato di Ascoli si è formato lo scorso maggio per iniziativa dell’Arci, dell’Anpi e delle Agende Rosse Paolo Borsellino – si legge nella nota stampa firmata dal referente Alessandro Cappelletti – Si è trattato di un comitato molto partecipato e assai eterogeneo, poiché ha visto la partecipazione di cittadini del Partito Democratico che non si riconoscevano nella riforma, del Movimento 5 Stelle e di molti altri liberi cittadini non legati ad alcun partito ma animati solo da un profondo senso civico”.

“Il comitato, oggi, si rallegra del risultato del Referendum sia a livello nazionale che locale, come si rallegra dell’ampissima partecipazione alle urne, indicativa di come gli italiani, qualora si tratti di difendere i loro diritti e la loro Costituzione, non si rifugino nell’astensionismo e corrano in massa a far sentire la loro opinione a chi li governa. Ci rallegriamo anche che questa riforma non sia passata poiché essa avrebbe inevitabilmente ristretto i confini della partecipazione popolare mentre gli italiani ci dimostrano che la voglia di partecipazione è grande” continua la nota.

Scrive il Comitato che “intendiamo anche ora esprimere la sua netta contrarietà al Governo Gentiloni, che non è altro che una fotocopia di quel Governo Renzi inevitabilmente bocciato alle urne referendarie; un governo che schiaffeggia la volontà degli italiani,  poiché vede addirittura la promozione di Maria Elena Boschi, che passa da Ministro a Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, nonostante la riforma bocciata ad ampissima maggioranza dagli elettori portasse il suo nome e nonostante l’ex ministra avesse ripetuto più volte che, in caso di respingimento della sua riforma, avrebbe lasciato la vita politica”.

“Il Comitato del No intende ora rimanere in piedi e fare la sua parte per proporre una legge elettorale che sia autenticamente costituzionale, che sia proporzionale e che consenta ai cittadini di scegliersi i propri parlamentari. Il comitato intende anche fare la sua parte per favorire la partecipazione al prossimo referendum contro il Jobs Act di modo da respingere una legge profondamente lesiva dei diritti e della dignità dei lavoratori” conclude la nota.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 307 volte, 1 oggi)