ANCONA – Nei primi 9 mesi del 2016 le imprese marchigiane hanno visto crescere le esportazioni del 5,6%, mentre nello stesso periodo dell’anno scorso si era registrato un calo del 3,2%. In Italia la crescita si è fermata allo 0,6%.

Un exploit, quello marchigiano, realizzato grazie ai prodotti farmaceutici, il cui export è cresciuto del 40,6%, pari a 420,3 milioni di euro in più. Emerge dalle elaborazioni dei Centri Studi Confartigianato e Cna su dati Istat. L’export manifatturiero è passato da 8,3 a 8,8 miliardi di euro ma senza i farmaci l’incremento sarebbe stato appena dello 0,6%.

L’export marchigiano è quasi esclusivamente manifatturiero (98,5%) e nei primi 9 mesi ha raggiunto 8,9 miliardi, tornando sui valori pre crisi. A crescere sono anche le esportazioni delle imprese della meccanica (+6,4%), plastica (+9,5), carta (+13,7) e alimentare (+8,9). Le esportazioni di mobili restano pressoché invariate mentre a preoccupare è il calo dell’export calzaturiero (-5,6), dell’abbigliamento (-2,6) e del tessile (-1,5).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 28 volte, 1 oggi)