SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella mattinata del 20 dicembre, a San Benedetto, si è tenuta la consegna degli attestati di frequenza ai partecipanti della cooperativa Ama Aquilone.

I progetti “Archeologia sociale” e “Per le nostre strade 2016” sono stati realizzati dalla Regione Marche, con la collaborazione dei due partner ufficiali, Consorzio Bonifica e Soprintendenza per i Beni archeologici.

All’incontro erano presenti Tiziana Cecchini, referente per la Regione Marche e Mario Pulcini, assessore alla cultura del comune di Cupra.

Il consorzio Bonifica si è occupato della tutela del territorio, in particolar modo di fiumi e alberi, mentre la Soprintendenza ha scelto alcuni siti archeologici che avevano necessità di manutenzione. Sono stati scelti il Teatro Romano di Ascoli Piceno e il Parco Archeologico di Cupra.

La Cooperativa Ama Aquilone ha partecipato al progetto per la seconda volta. L’obbiettivo era quello di fornire ai 17 ragazzi, che stanno concludendo il loro percorso terapeutico, sostegno al reddito e socializzazione con altre persone.

La referente regionale, Tiziana Cecchini, ha ribadito come ” sia stata un’esperienza positiva, che ha dato soddisfazione sia ai soggetti partecipanti che alla Regione stessa”.

La Regione “auspica di poter far approvare una terza edizione, considerando la dimensione sociale e culturale di tale iniziativa”.

A Febbraio la Cecchini si è impegnata a portare l’esperienza di chi ha partecipato ai due progetti “Archeologia sociale” e “Per le nostre strade 2016″, cercando di sensibilizzare la politica regionale su tali iniziative.

Successivamente, è intervenuto l’assessore Mario Pulcini, ” questo progetto per il nostro comune ha avuto duplice funzione, poiché oltre l’aspetto morale e sociale, abbiamo usufruito di un servizio di manutenzione che altrimenti non saremmo stati in grado di sostenere.”

A conclusione dell’incontro, Fabio Mariani, della cooperativa Ama Aquilone, ha consegnato gli attestati di frequenza ai soggetti partecipanti, i quali si sono sentiti di ringraziare per l’opportunità concessa.

Uno dei partecipanti, Fabio, ha parlato di “una bella esperienza, gratificante, anche le persone che abbiamo incontrato durante il lavoro, ci hanno dato la possibilità di ampliare l’esperienza lavorativa.

Era presente anche una giovane mamma, Marilena, che sta concludendo il suo percorso riabilitativo, ” l’esperienza mi ha permesso di capire come poter conciliare il mio essere mamma  con un’attività lavorativa, considerando che presto sarò fuori dalla comunità”.

Tiziana Cecchini ha concluso sostenendo che il settore delle dipendenze patologiche è tra quelli che riceve più fondi, anche se alcuni dei fondi concessi sono arrivati nel mese di Novembre, impedendo nuove possibili iniziative.

L’auspicio di tutti i presenti è la conferma di una nuova edizione per il 2017, per l’aiuto sociale ai ragazzi della cooperativa Ama Aquilone e la salvaguardia dei beni archeologici del territorio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 174 volte, 1 oggi)