ARQUATA DEL TRONTO – Nel giorno di Natale un statua lignea della Madonna, risalente al XV secondo, è riemersa dalle macerie nel retro della chiesa dell’Annunziata ad Arquata del Tronto.

A notare la scultura sono stati i vigili del fuoco che hanno allertato i carabinieri del posto e quelli del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, presenti sui luoghi del sisma anche nella giornata festiva. Il lavoro di recupero è stato coordinato dallo storico dell’arte Pierluigi Moriconi dell’unita di crisi dei beni culturali delle Marche.

Insieme alla statua alta circa un metro, di scuola marchigiana, sono stati recuperati un’acquasantiera in pietra e otto beni ecclesiastici (cornici e stendardi processionali). Si tratta di materiale presumibilmente conservato nella sagrestia e caduto nel retro della chiesa a seguito del crollo di un muro.

I beni sono stati messi in sicurezza, inventariati e consegnati al vescovo di Ascoli Piceno mons.Giovanni D’Ercole.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 115 volte, 1 oggi)