ANCONA – “Una forte iniziativa in difesa del patrimonio culturale gravemente ferito dal sisma.” Lo ha proposto l’assessore regionale al Turismo-Cultura Moreno Pieroni (pensiero riportato da una nota dell’Ansa), “condividendo le preoccupazioni e le ansie dei sindaci dei comuni colpiti” perché si mantengano l’integrità delle collezioni d’arte e la permanenza delle opere nei luoghi che da sempre li ospitano e, dove non sia possibile, nei comuni limitrofi.

“Il rischio di danneggiamento e dispersione del patrimonio culturale è rilevante – ha detto Pieroni – e per questo ci siamo messi al lavoro per elaborare un programma operativo che tenesse conto principalmente di un fattore essenziale: la consapevolezza che il patrimonio culturale ha valore strategico per affermare l’identità locale, che resta una leva fondamentale per la ripartenza della normalità”.

La proposta prevede tra l’altro un coordinamento regionale permanente con i rappresentanti di Mibact, Regione Marche, Anci e Diocesi, e un’accelerazione della messa in sicurezza del patrimonio culturale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 69 volte, 1 oggi)