ASCOLI PICENO – Tasse sospese nei luoghi colpiti dal sisma del 30 ottobre 2016 per le aziende attive nella raccolta di gioco pubblico attraverso apparecchi da intrattenimento (comma 6° Art. 110 Tulps). A deciderlo è l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che ha risposto alla richiesta avanzata da SAPAR, l’Associazione Nazionale Servizi per le Pubbliche Attrazioni Ricreative aderente a Confesercenti.

L’agenzia dei Monopoli ha infatti deciso di sospendere la maturazione della base imponibile forfettaria del prelievo erariale unico (Preu) per le imprese del Centro Italia interessate dal terremoto. Il termine entro cui adempiere, in un’unica soluzione, agli adempimenti relativi al prelievo erariale è stato quindi rinviato al 30 settembre 2017. La proroga è valida per le aziende con apparecchi installati nelle Provincie di Ascoli Piceno, L’Aquila, Teramo, Rieti, Perugia, Fermo, Macerata e Terni.

“Si tratta – ha dichiarato Raffaele Curcio, Presidente di SAPAR – di una indispensabile boccata di ossigeno, necessaria anche per riorganizzare le attività aziendali e ripartire con maggiore slancio. Ringraziamo l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per questo segnale d’attenzione nei confronti dei lavoratori e di tutto un settore da sempre impegnato per promuovere un gioco responsabile, sicuro e legale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 57 volte, 1 oggi)