ACQUASANTA – “Siamo di nuovo in ginocchio: abbiamo un metro di neve, frazioni isolate, manca la luce, e la Salaria è bloccata. Ci serve aiuto”.

È l’appello di Sante Stangoni, sindaco di Acquasanta Terme, uno dei comuni del terremoto nella montagna ascolana.

“Sui Sibillini nevica da due giorni, e la situazione – dice Stangoni all’Ansa – è drammatica”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.068 volte, 1 oggi)