ANCONA – Maltempo e terremoto hanno provocato ulteriori danni per 130 milioni di euro di cui 30 alle imprese delle Marche.

Lo rileva in una nota la Cna Marche, che chiede di “intervenire subito per aiutare le imprese colpite dal sisma e dal maltempo”, snellendo le procedure e riaprendo i termini per la certificazione dei danni e di snellire le procedure.

Secondo la Cna “sono almeno 10 mila le imprese marchigiane manifatturiere, dell’agroalimentare e del turismo che stanno pagando un conto salatissimo all’emergenza, senza contare gli effetti indiretti sul turismo e sui servizi di ristorazione e di accoglienza di tutta la regione”.

La Cna invita a “non perdere tempo e far arrivare al più presto i sostegni e gli incentivi previsti per le imprese colpite dal sisma e i moduli abitativi per chi ha casa e attività inagibile, evitando gli eccessi burocratici che abbiamo visto in passato. Lo spopolamento e la crisi delle attività produttive rischiano di far scomparire un intero sistema economico e sociale”.

(Letto 61 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 61 volte, 1 oggi)