ANCONA – Si punta all’eccellenza per sviluppare nuovi indirizzi di crescita per il Turismo, finalità che sono alla base del progetto interregionale “In IT.inere- Cammini , percorsi e luoghi di eccellenza nel Centro Italia “ a cui le Marche partecipano in partnership con le Regioni Umbria ( capofila) , Toscana, Lazio Abruzzo e Sardegna.

Ieri la giunta regionale ne ha approvato il Piano esecutivo condiviso con le altre Regioni. Insieme, infatti, già dallo scorso anno sono stati sviluppati progetti e attività che ricadono in assi di lavoro congiunti in linea con le linee guida dettate dal MIBACT. A maggio scorso era stato approvato un protocollo di intesa tra Ministero e Regioni in base al quale alle Marche sono stati assegnati oltre 680 mila euro quale copertura del 90% del progetto con un cofinanziamento regionale di poco più di 75 mila euro.

“Per la prima volta – ha sottolineato l’assessore al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni – è stato intrapreso un percorso condiviso fra sei Regioni italiane, superando le competizioni e collaborando realmente, portando a sintesi le proprie differenze e peculiarità con l’obiettivo di promuovere in maniera unitaria i territori e agganciarsi alle opportunità offerte anche in relazione all’accoglienza. Uno strumento di programmazione congiunta che oggi, alla luce dei drammi che hanno colpito il Centro Italia assume ancora più rilievo e importanza per avere concrete possibilità di promuovere i comuni elementi del territorio, valenze storiche, paesaggistiche, produttive, sociali e culturali, in sintonia con l’emergente domanda, nazionale e internazionale, di turismo attivo ed esperienziale.”

Nel progetto, infatti, si pone particolare attenzione alla valorizzazione delle aree interne e rurali, con il patrimonio di culture immateriali e materiali che esse conservano, alle eccellenze, non solo paesaggistiche ma anche delle produzioni tipiche, e al tema dei “Cammini”, come tema centrale e trasversale a tutte le Regioni aderenti.

“Con queste risorse – spiega l’assessore Pieroni – abbiamo la possibilità di sviluppare progettualità su segmenti e network turistici in linea con la strategia regionale approvata con il Piano Triennale 2016/2018 e valorizzare, inoltre, i beni culturali anche attraverso grandi eventi espositivi da mettere in rete. Vogliamo rilanciare nuove forme e proposte di soggiorno e di vacanza che rispondano non solo ad un semplice e generico interesse di vacanza ma a una precisa domanda in costante crescita, legata alle attitudini del turista crescita: certamente la costa e i parchi, ma anche cultura e musei, i Cammini, lo Sport ( bike, trekking,) wedding, shopping tour con particolare attenzione verso i mercati europei “.

In particolare nelle Marche si punterà a promuovere i cluster delle Marche in blu, La Cultura – the Genius of Marche nella terra di Raffaello, Rossini, Pergolesi aprendosi ai cammini della Poesia di Dante, dell’Arte con Giotto e Piero della Francesca. Della storia con I Piceni, I Romani e i Longobardi.

Altre proposte riguardano il turismo naturale e le attività sportive nei Parchi nazionali che costituiscono le aree di allaccio tra i diversi territori regionali; ancora il benessere di cuore e mente con i Cammini Lauretani e il Cammino Francescano della Marche; il Gusto e la creatività con l’enogastronomia, l’artigianato di qualità e lo shopping nelle aree del Made in Marche.

Infine la proposta progettuale riguardante la vita rurale e i borghi. La Regione Marche partecipa, inoltre, al progetto di eccellenza Italy Golf & More che ha come capofila il Friuli Venezia Giulia con le regioni Veneto, Emilia Romagna, Puglia, Sicilia, Liguria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 70 volte, 1 oggi)