ASCOLI PICENO – L’Italia ha partecipato all’operazione internazionale denominata “Pandora coordinata centralmente da Interpol e finalizzata a contrastare, simultaneamente in più Paesi, la commercializzazione di beni d’arte di provenienza illecita.

A novembre, nella settimana di azione coordinata, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, supportato dall’Arma territoriale e in collaborazione con la Direzione Centrale Antifrode e Controllo, dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato ha effettuato vari controlli. Servizi che hanno interessato anche le aree dell’Ascolano e del Fermano. Non sono state, però, riscontrate anomalie o denunce.

Il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale nazionale ha comunque, a livello generale:

– effettuato 315 controlli ad aree terrestri d’interesse archeologico e monumentale;

– verificato 139 esercizi antiquariali, case d’asta, gallerie, restauratori e trasportatori;

– controllato 105 opere in transito presso porti, aeroporti e aree doganali;

– contestato 6 violazioni amministrative;

– identificato 175 persone;

– denunciato 18 persone in stato di libertà;

– controllato 17 case d’asta on-line e verificato 3.886 beni nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti, localizzando 19 opere su cui sono in corso indagini tese al recupero;

– sequestrato 249 beni culturali per un valore complessivo di 334.200 euro;

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 67 volte, 1 oggi)