ROMA – Tutti con la fascia tricolore per sostenere i propri sindaci e per rappresentare simbolicamente ognuno la propria comunità. Sit-in di protesta in piazza Santi Apostoli  nella mattinata del 25 gennaio a Roma di un folto gruppo di terremotati del Centro Italia (fra questi anche vari cittadini di Accumoli e Arquata del Tronto residenti in Riviera dopo le scosse) riuniti nel comitato spontaneo di cittadini apartitici “Quelli che il terremoto…” nato in difesa delle popolazioni colpite.

Tra gli striscioni esposti in piazza alcuni recitano: “Montanari sì, fessi no” e “Ad Amatrice la scossa, a Roma datevi una mossa”.

“Siamo qui per manifestare la nostra amarezza – dice Peppe Mariani all’Ansa, imprenditore marchigiano di Roccafluvione, tra gli organizzatori della manifestazione – per come è stata gestita tutta questa emergenza. Siamo molto arrabbiati e per tanti motivi. Che fine hanno i soldi versati per solidarietà dagli italiani? Dove sono le casette e i moduli abitativi che ci avevano promesso? Non possiamo più aspettare chiacchiere e parole, vogliamo finalmente i fatti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 155 volte, 1 oggi)