ASCOLI PICENO – Nonostante l’emergenza maltempo e sisma, che hanno determinato una situazione particolarmente complessa per il nostro territorio, la “Giornata della Memoria” del 27 gennaio in ricordo delle vittime dell’olocausto sarà celebrata con diverse iniziative che coinvolgono la cittadinanza o il mondo della scuola.

“Risulta più che mai importante infatti ribadire oggi il messaggio sempre attuale di rifiuto di ogni forma di odio e discriminazione e un impegno forte per gli ideali di solidarietà, democrazia e fraternità tra popoli e nazioni” affermano gli organizzatori.

Venerdì 27 gennaio alle ore 10.30 nella Sala della Ragione di Palazzo dei Capitani si è svolta “Memorie” dove dopo il saluto delle autorità, sono state consegnate da parte del Prefetto di Ascoli Rita Stentella delle Medaglie d’Onore ai familiari dei deceduti cittadini, militari e civili deportati ed internati nei Lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra.

Tra questi il nonno del cuprense Davide Verdecchia, il veneto Bruno Micheluzzi. (CLICCA QUI PER L’INTERVISTA)

Hanno partecipato all’evento anche il Coro Piccole Voci della scuola Don Luigi Giussani diretto dal Maestro Mario Giorgi e varie scuole del comprensorio ascolano.

Il vice sindaco di Ascoli, Donatella Ferretti ha affermato: “Bisogna essere capaci di ricordare cioè che non deve più accadere perché quegli orrori non sono finiti. Il ricordo ci deve servire per guardare con occhi nuovi al futuro”.

Il Prefetto Rita Stentella ha aggiunto: “72 anni fa, con l’apertura del campo di concentramento tedesco da parte degli Alleati, furono rivelate tutte le atrocità. Dobbiamo tenere memoria viva e presente che dà la consistenza ai principi che fondano la nostra civiltà”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 172 volte, 1 oggi)