ASCOLI PICENO – “Votare a primavera è una certezza. Anche il Pd ormai ha capito che questo Parlamento e questo Governo non sono credibili“.

Lo ha detto Matteo Salvini, in una nota riportata dall’Ansa, il 29 gennaio ad Ascoli Piceno, intervenendo ad un convegno dal titolo “Crea, credi, cambia”. Presente anche Giorgia Meloni (presidente Fdi An) all’incontro e il sindaco Guido Castelli.

“Dobbiamo credere in un progetto, vogliamo cambiare, e la via è andare al governo, vogliamo vincere – ha aggiunto il leader leghista – Siamo alternativi a Renzi e ai 5 Stelle, non abbiamo nessuna voglia di fare inciuci”.

“C’è un commissario per la ricostruzione che va licenziato. Non è assolutamente in grado di svolgere questo compito. È un politico ‘trombato’ che ha fallito a casa sua e non si vede perché debba far meglio nelle Marche e in Abruzzo –  ha affermato Salvini nella nota riportata dall’Ansa – Il maggior problema è la burocrazia. Ce n’è troppa, ho sentito tanti sindaci: o ottengono risposte entro qualche giorno, nel senso che il Governo dimostra che esiste, altrimenti li riportiamo noi a Roma e ancora più arrabbiati. Tengano conto a Roma che, soprattutto nelle Marche, dimenticate e lontane dal cuore del Governo, c’è tanta gente pronta a tutto. Diamo una settimana al Governo per darsi una mossa, sennò riporteremo tutti a Roma”.

“Per quanto io abbia il più possibile evitato di fare polemica, perché di fronte alle disgrazie e alle tragedie degli italiani si cerca sempre di mantenere un certo aplomb, viene da chiedersi, come stanno d’altronde facendo i cittadini, come si fa a trovare 20 miliardi in mezzo pomeriggio (per le banche ndr) e quando si tratta invece di affrontare il problema del terremoto ci sono sempre ritardi – afferma la leader di Fdi-An Giorgia Meloni in una nota dell’Ansa – Continuo a ritenere che l’unica possibilità che abbiamo per dare risposte a questi territori che vivono situazioni così complesse è sospendere la burocrazia: bisogna mettere la responsabilità di come affrontare questi eventi e le risorse necessarie in mano ai sindaci che sono i più prossimi nella gestione del territorio e se fanno degli errori la gente lo sa e ne rispondono”.

Ha moderato l’incontro il giornalista e conduttore televisivo di La 7, Andrea Pancani.

Una delegazione dell’Itb Italia, capeggiata dal presidente Giuseppe Ricci, ha incontrato il politico lombardo dove è stata manifestata la disapprovazione per l’approvazione del Governo Gentiloni sul Disegno di Legge-delega sulla riforma generale delle concessioni demaniali con aste. CLICCA QUI

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 471 volte, 1 oggi)