ANCONA – Una nota di Italia Nostra Marche in merito alle questioni del terremoto che merita di essere letta.

Lo avevamo detto qualche tempo fa: tutelare i beni culturali significa difendere le comunità che li producono, li sviluppano, li vivono. Le molteplici crisi sismiche iniziate dallo scorso 24 agosto stanno sottoponendo a grave rischio il futuro del nostro entroterra e, per raggiungere quell’obiettivo di tutela, è necessario un ragionamento in termini strategici, che vada oltre il tema della mera ricostruzione. Limitarsi a ragionare sulla ricostruzione, seppur necessaria ed indispensabile, significa infatti affrontare solo parzialmente la grande sfida del salvataggio e del rilancio di quelle zone. Così facendo, si lascerebbero in disparte questioni essenziali quali il lavoro o il sistema dei servizi pubblici, insomma tutti quegli aspetti che determinano la qualità della vita di un determinato territorio, e che definiscono, quindi, anche le sue possibilità di sopravvivenza.

Curarsi, andare a scuola, spedire una raccomandata o gestire un’attività è più oneroso per un abitante di Visso o di Castel Sant’Angelo sul Nera che per quello di Recanati o di Pollenza. Era così fino allo scorso 24 agosto, a maggior ragione lo è oggi. E su di questo riteniamo si debba ragionare e intervenire.

In tale quadro, diamo il nostro sostegno ed il nostro appoggio alla proposta dell’Università di Macerata denominata “modello Ussita”, sviluppata dagli studiosi di diritto tributario coordinati da Giuseppe Rivetti. Con essa si dà la sostanza tecnico scientifica all’ipotesi dell’istituzione di una zona a fiscalità agevolata, verificandone la sostenibilità e le possibilità di successo. Redistribuzione della ricchezza e forti stimoli all’insediamento di nuove attività (con conseguente aumento di posti di lavoro) sono solamente due dei possibili benefici perseguibili con l’attuazione delle misure contenute nella proposta.

Delle grandi potenzialità insite nell’istituzione di una zona a fiscalità agevolata non sembra ancora essersene accorta, se non marginalmente, la politica: diversamente da quanto accaduto in passato, quando vennero istituite le cosiddette “zone franche urbane” per i territori coinvolti nei terremoti de L’Aquila e dell’Emilia, le misure finora avanzate prevedono il solo posticipo dei pagamenti all’anno prossimo. Ben poca cosa rispetto alle esigenze effettive.

Da qui il nostro appello ai parlamentari marchigiani e ai consiglieri regionali. L’azione portata avanti sinora richiede a questo punto un salto di qualità, con la definizione di scelte dagli effetti che potranno andare oltre i termini di una o due legislature. E una di queste scelte potrà essere proprio quella dell’istituzione nelle aree del cratere della zona a fiscalità agevolata. Tale proposta è sicuramente da integrare o correggere ma può fondare le sue scelte partendo dallo studio serio e scrupoloso del professor Rivetti e dei suoi collaboratori.

Il Presidente della Repubblica ci ha rassicurato dicendoci che non ci avrebbe lasciato soli. Quelle montane sono comunità in pericolo perché fortemente indebolite, dal terremoto ma anche da tanti anni di abbandono, e affinché quell’impegno venga rispettato è necessario invertire il senso di marcia rispetto a quanto fatto sinora mettendo in campo politiche forti a loro favore: il “modello Ussita” può essere una di esse e merita di essere valutata e (auspicabilmente) sostenuta dai nostri rappresentanti nelle istituzioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 261 volte, 1 oggi)