ASCOLI PICENO  “Non è più solo un’emergenza da gestire, ma una rinascita da progettare: una zona franca può essere la risposta”. Il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli, responsabile per la finanza locale dell’Anci lancia una proposta per le 4 regioni coinvolte dal sisma.

Occorre un progetto strutturale, dice, “che renda i nostri Comuni protagonisti di una rinascita: un laboratorio di rinascita ha bisogno di infrastrutture fisiche e tecnologiche, di ricostruzione fisica con criteri antisismici, e di uno sviluppo economico che deve essere guidato con i vantaggi fiscali che derivano da una zona franca”.

Attrarre investimenti, favorire la produzione e il commercio, incentivare nuove iniziative economiche: “Tutto è possibile puntando sulla leva fiscale – continua il sindaco facendo appello al Governo e alla Ue – progettando un’area con le dimensioni di quella del cratere, che possa giustificare progetti, studi, attività con uno spazio fiscale in deroga a tutto quanto previsto dal resto del Paese”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 126 volte, 1 oggi)