ASCOLI PICENO – Riceviamo e pubblichiamo una nota dei Giovani Udc della Provincia.

Dopo una illuminazione a led alquanto scadente e poco valorizzante per la città (ci chiediamo perché non siano stati fatti progetti di illuminotecnica visto il valore artistico di Ascoli) sono arrivati i varchi o vigili elettronici a dare la mazzata finale a un centro storico ormai moribondo e spento.

Infatti ultimamente con l’installazione dei varchi elettronici  si sta creando un clima di terrore in tutti gli ascolani che per paura di incorrere in qualche sanzione eviteranno di andare al centro per qualsiasi motivo.

Questi varchi secondo l’Udc non faranno altro che aggravare già una situazione pesantissima per tutti i commercianti, con i negozi che stanno chiudendo all’ordine del giorno, e ciò non è più tollerabile.

Ascoli sempre di più si sta svuotando, colpa soprattutto di queste politiche che stanno disincentivando l’approdo degli ascolani e turisti al centro storico, visto anche il costo dei parcheggi.

Con questo vogliamo sottolineare la nostra contrarietà a questi varchi perché pensiamo che la loro installazione non si doveva attuare in questo periodo storico così difficile per il centro, ma i soldi impegnati in questo progetto dovevano invece essere impiegati innanzitutto per politiche atte allo sviluppo della città.

Ciò non è stato mai fatto basti vedere le promesse elettorali (mai mantenute) del riacquisto dei parcheggi dalla Saba e il degrado in cui versa il centro storico.

Una città ormai abbandonata a se stessa, con eventi di microcriminalità sempre in crescendo.

Vediamo molta inutilità dei varchi  che regolamentano la viabilita delle vie o piazze, visto già che esse erano ad uso esclusivo per i residenti e Ztl (zona traffico limitato).

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 133 volte, 1 oggi)