ASCOLI PICENO – Da poco tempo è approdata ad Ascoli la navetta gratuita “Insieme al Centro”, un’idea per ridare vitalità e movimento alla zona più antica e pittoresca della città e far respirare i commercianti, in difficoltà nell’ultimo periodo, e rilanciare il turismo.

Una realizzazione accolta positivamente da tutti, opposizione compresa, anche se il consigliere comunale del Partito Democratico Francesco Ameli ha diramato dei “consigli” per la gestione e il servizio della navetta.

“La navetta ‘Insieme al Centro’ è certamente un’opportunità di cui la città di Ascoli Piceno si è dotata – ha affermato Ameli – Una scelta non nuova, che riprende quella proposta dall’amministrazione Allevi oramai quasi 20 anni fa. Mi permetto, sommessamente, di dare alcuni consigli e porre riflessioni”.

Il consigliere comunale ascolano prosegue: “Attualmente la navetta parte dalla stazione. Zona satura di parcheggi, tutti occupati ed a pagamento. Parcheggi inoltre che sono utilizzati dai tanti pendolari che ogni mattina vanno ad Ancona. Penso possa essere un’opportunità farla partire dallo stadio – è il pensiero di Ameli –  Nel piazzale non ci sono posti a pagamento e sicuramente non si vanno a togliere posti a residenti. Doterei inoltre il piazzale di un servizio come quello di una casetta dell’acqua o distributore vivande cosi da non appesantire l’attesa della navetta. Resta fermo il passaggio alla stazione che risulta essere un nodo di scambio importante in città (Treno/Bus)”.

Il democratico ascolano dichiara: “Far funzionare il servizio anche il sabato (attualmente sabato e domenica non è attivo). La domenica ci sono già parcheggi gratuiti e inoltra bisogna indicare meglio dove sono le fermate. In piazza Arringo è difficile capire dove si ferma. Allungare la percorrenza fino a Porta romana in via Oberdan”.

“Spero che il sindaco Guido Castelli e il Presidente della Start Luigi Merli possano valutare queste considerazioni” auspica Francesco Ameli.

(Letto 554 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 554 volte, 1 oggi)