ANCONA – Via libera all’unanimità dal Consiglio regionale delle Marche a una proposta di risoluzione della Commissione Ambiente con cui si chiede alla Giunta di attivarsi affinché venga riconosciuta ai Comuni terremotati, con una modifica della normativa statale o un provvedimento del Dipartimento della Protezione civile, la “possibilità di disciplinare l’installazione, in aree private, di manufatti temporanei e provvisori” da rimuovere una volta terminata l’emergenza”.

Le iniziative di localizzazione temporanea di container o casette di proprietà privata rischiano di essere illegittime in quando contrastanti con la normativa vigente, ma per la Commissione (e per l’aula che ha approvato all’unanimità) bisogna “normalizzare lo svolgimento della vita sociale delle comunità colpite da un’emergenza senza precedenti” e “l’installazione di manufatti temporanei e provvisori di modeste dimensioni da parte di singoli cittadini su terreni di loro proprietà potrebbe rappresentare una valida soluzione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 184 volte, 1 oggi)