ROMA – Il Carnevale finisce lasciando agli italiani 12 milioni di chili di dolci tipici della tradizione da smaltire, fatti nella maggioranza dei casi di ingredienti semplici, ma calorici come farina, zucchero, burro miele e uova. E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che frittelle, castagnole, frappe, chiacchiere e le altre specialità regionali sono state fatte sparire dagli italiani nelle case, nei negozi, nelle feste e nelle piazze durante il periodo di carnevale.

“Il settore enogastronomico – sottolinea la Coldiretti – contribuisce in maniera sostanziale ad alimentare il business di Carnevale che secondo la Cna è un comparto che non conosce crisi e muove a livello nazionale un indotto da oltre 200 milioni”.

Le abbuffate di berlingozzi e cenci in Toscana, cicerchiata in Abruzzo, brugnolus e orillettas in Sardegna, galani in Veneto, sfrappole in Emilia Romagna, bugie in Liguria, chiacchiere in Basilicata, struffoli e sanguinaccio in Campania, crostoli in Friuli, frappe e castagnole nel Lazio, pignolata in bianco e nero in Sicilia e grostoi in Trentino sono state favorite anche secondo la Coldiretti da una sostanziale stabilità dei prezzi rispetto allo scorso anno, ma anche dal ritorno al fai da te casalingo.

Secondo l’indagine condotta dal sito www.coldiretti.it, quasi un italiano su tre (31%) ha preparato i dolci di carnevale rigorosamente in casa, mentre il 41% li ha acquistati dal fornaio o dal pasticcere di fiducia e solo il 2% dichiara di aver scelto i prodotti commerciali gia’ confezionati.

“Va segnalato peraltro che – conclude la Coldiretti – nonostante la crescente attenzione alla forma fisica e alla dieta solo il 26% degli italiani dichiara di essersi privato delle golosita’ della festa”.

(Letto 77 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 77 volte, 1 oggi)