ASCOLI PICENO – “Più personale, più tecnologia, più investimenti nella sanita’ già dal 2016. Il motto del 2017 e’ produzione, produzione e ancora produzione di servizi per la comunità'”. Cosi è intervenuto il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli il 9 marzo all’Ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno in occasione della conferenza stampa per l’inaugurazione dei nuovi impianti di risonanza magnetica ad Ascoli e San Benedetto del Tronto, della nuova sede UOC di Oncologia medica e dei laboratori oncologici di Ascoli, del nuovo percorso di cure intermedie nella Casa della salute e della riorganizzazione del poliambulatorio di Offida, del nuovo reparto di Medicina interna e della nuova sede del consultorio familiare di San Benedetto del Tronto. Ceriscioli ha poi visitato tutte e tre le strutture.

“Oggi si inaugurano nuove tecnologie a servizio della comunità – ha proseguito il presidente -, sostituzioni di apparecchiature a risonanza magnetica chiuse e aperta (quella aperta è molto importante perché sono numerose le persone che hanno difficoltà ad entrare in quelle chiuse), reparti riqualificati e umanizzati. Questo secondo aspetto è di particolare valore perché gli ambienti sono più accoglienti e dimostrano maggiore attenzione al cittadino. Facciamo poi il bilancio di un anno che ha visto l’area vasta 5 come quella che ha raggiunto i maggiori risultati in termini di incremento della produttività. Non solo. Dopo le assunzioni con il 130% del turn over, i fondi nazionali cresciuti rispetto lo scorso anno e gia assegnati alla sanita’ regionale, le tecnologie con investimenti che hanno visto incrementi dal 50% al 100% a seconda dell’area vasta, il 2017 si è aperto con tanti segni più che ci devono adesso restituire servizi a favore dei cittadini per continuare ad abbattere le liste di attesa ed essere sempre presenti nei confronti della comunità con qualità, competenza e quantità di offerta”.

Ceriscioli nel corso della visita ad Offida ha sottolineato inoltre l’importanza, accanto agli ospedali, dei servizi sul territorio e dell’integrazione tra presidi. “Il problema dell’invecchiamento della popolazione richiede un grande impegno sul territorio. Abbiamo bisogno di affrontare insieme anche le problematiche del malato cronico. L’attenzione al territorio è fondamentale per far funzionare tutto il sistema”.

In quest’ottica Ceriscioli e’ intervenuto anche sul Consultorio familiare a San Benedetto del Tronto. “Il consultorio – ha detto – è sicuramente una eccellenza di cui la città di San Benedetto può farsi vanto. Parliamo di una struttura di grande qualita’ in grado di affrontare tutte le problematiche, di cui c’è bisogno e di cui c’è carenza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 480 volte, 1 oggi)