OFFIDA – Martedí 14 marzo sono state spostate le opere d’arte del Santuario del Miracolo Eucaristico, dalla Chiesa di Sant’Agostino, che seppur messa in sicurezza non è attualmente agibile a causa del terremoto, una stanza adiacente al Chiostro di Sant’Agostino, affianco alla sagrestia.

Grazie al lavoro svolto da una squadra del Mibact (Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo) i capolavori d’arte di autori come Ricci, Allegretti, Monti e Trasi, una volta allestita la stanza, potranno essere ammirati di nuovo dai turisti.

“L’Amministrazione comunale – ha commentato l’assessore alla Cultura, Isabella Bosano –  visto l’importanza artistica di tali opere si è adoperata per far sì che fossero visitabili. Un ringraziamento particolare va agli operatori del Mibact, che si sono adoperati alle delicate operazioni di trasferimento delle opere d’arte, la dott.ssa Rossana Vitiello, il tecnico dott. Gianluigi Del Frá e il dott. Gaspare Baggieri”.

Tutte le operazioni sono state eseguite grazie alle collaborazione del nucleo tutela del patrimonio artistico dei Carabinieri di Ancona; il Maresciallo Toni Santini; il Corpo dei Vigili del fuoco; il Comando di Ascoli Piceno, coadiuvato dal caposquadra Giampaoletti Stefano; i volontari di Legambiente e della Protezione Civile di Offida e la ditta Travaglini.

Un ulteriore ringraziamento al dottor Mario Vannicola che ha rappresentato il rettore del Santuario del Miracolo Eucaristico, il Monsignor Luciano Carducci.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 79 volte, 1 oggi)