ANCONA – “C’è una situazione di ‘non fare’, non portare avanti iniziative, non fare progetti, non fare assunzioni nella ricostruzione post terremoto, che pervade tante attività legate al sisma e che blocca amministratori e privati”.

Così il governatore delle Marche Luca Ceriscioli nel dibattito sulla mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni nei confronti dell’assessore all’Agricoltura Anna Casini per la vicenda dei ritardi nelle stalle, mozione poi bocciata dall’aula.

“L’impostazione data dagli organismi nazionali dopo il 24 agosto – ha ricordato – è stata rigorosa, gara ordinaria in una situazione straordinaria. Ho anche polemizzato con la stampa dicendo che non potevamo essere così impauriti in un quadro di massime garanzie con una procedura controllata da Anac. Eppure la ditta (vincitrice dell’appalto indetto dalla Regione Lazio) non ha realizzato le stalle nei tempi previsti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 168 volte, 1 oggi)