ASCOLI PICENO – “Il terremoto rischia di fare danni irreversibili all’economia dell’Appennino”. E’ la preoccupazione con la quale il 21 marzo il sindaco di Ascoli Guido Castelli guiderà a Bruxelles una delegazione di sindaci delle zone colpite dal sisma per un confronto con il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani. Ci saranno anche i sindaci di Teramo, Spoleto, Acquasanta Terme e Tolentino.

”Nella sua visita nel cratere – ricorda Castelli – Tajani ha annunciato che l’Ue sosterrà le regioni colpite con una somma fino 2 mld di euro”. Ma ”la burocrazia e le lungaggini amministrative rischiano di esporre le nostre comunità a problematiche molto gravi, in particolare sotto il profilo della tenuta economica dei territori”.

Il danno indiretto provocato alle imprese e al commercio, sottolinea, ”è di proporzioni devastanti. Se non dovessimo beneficiare delle franchigie fiscali derivanti dall’istituzione di una zona economica speciale, il nostro sistema economico rischierebbe danni irreversibili’

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 100 volte, 1 oggi)