ACQUASANTA – Duemila euro una tantum agli esercizi commerciali e agli artigiani di Acquasanta Terme che con il terremoto hanno visto azzerare o quasi i propri incassi e rischiano di chiudere per mancanza di clienti.

E’ l’iniziativa lanciata dal sindaco Sante Stangoni e dalla giunta comunale, con una variazione di bilancio per una somma complessiva che ”purtroppo – spiega Stangoni all’Ansa – non potrà superare i 50/60 mila euro”.

Per accedere al contributo, commercianti e artigiani dovranno dimostrare di aver subito un calo di fatturato pari ad almeno il 40% nel periodo che va dal 24 agosto al 28 febbraio scorsi, paragonato allo stesso periodo degli anni precedenti. Ad Acquasanta ci sono 2 supermercati e 90 fra negozi e laboratori artigiani, e ‘‘la situazione economica è disperata. La popolazione residente si è molto ridotta, ad Arquata, Amatrice e Accumoli non c’è più nessuno e i nostri negozi hanno perso anche quell’indotto, la galleria che ci collegava a Norcia è chiusa” ha affermato il primo cittadino.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 137 volte, 1 oggi)