ASCOLI PICENO – “A giudizio degli interroganti è giusto che la città di Ascoli Piceno valorizzi il parco fluviale del Tronto e del Castellano”.

Ad esprimere questa affermazione è il gruppo consiliare del Partito Democratico ascolano.

“Nella città di Ascoli Piceno vi è una zona, quella della cartiera papale che negli ultimi anni ha visto incrementare afflusso di cittadini ascolani e turisti – si legge in una nota del Pd – Il torrente Castellano, dopo un periodo di buio, grazie ai lavori di riqualificazione effettuati dalla Provincia qualche anno fa, è tornato ad essere meta di tanti che cercano un luogo di relax immerso nella natura nelle immediate vicinanze del centro cittadino”.

Il Partito Democratico ascolano aggiunge: “Durante i primi giorni di febbraio 2017 si è verificata una frana distaccatasi dalla parete rocciosa attigua al lato destro della pista ciclabile, nei pressi del ponticello di legno sul torrente Castellano. La frana in questione ha purtroppo bloccato il passaggio che fa accedere alla ‘spiaggetta degli ascolani’. A tutt’oggi non risulta esserci un progetto in atto da parte dell’amministrazione comunale di Ascoli per mettere in sicurezza la porzione del costone roccioso, ma soltanto il divieto di accedere all’area utilizzando una transenna legata con catena e lucchetto”.

“In base al Regio Decreto 523 del 1904, inerente le disposizioni di legge sulle opere idrauliche – afferma il gruppo consiliare Pd – spetta all’amministrazione comunale attivarsi per un’area progettuale di questo tipo coinvolgendo la Regione Marche, Genio Civile e Difesa del Suolo, competenti in materia, affinché si possa così definire in un arco di tempo ragionevole la messa in opera del consolidamento della parete in questione”.

Il Pd prosegue: “Molti cittadini in forma autonoma ed associativa (in particolare ‘Gli amici del castellano’) si impegnano per la pulizia e mantenimento dell’area. Allo scrivente risulta altresì che l’associazione ‘Amici del castellano’ si sia resa disponibile, al fine di accelerare l’iter della messa in sicurezza della parete rocciosa e successiva fruibilità dell’area, di utilizzare risorse interne (Professionisti iscritti all’associazione) per elaborare un progetto ai fini del successivo intervento della messa in sicurezza. E’ prioritario intervenire per tornare a dare fruibilità degli spazi cittadini caratteristici”.

Il gruppo consigliare ha intenzione di interrogare il sindaco Guido Castelli per sapere:

– se l’amministrazione intende provvedere al ripristino della zona;

– quali azioni vuole intraprendere l’amministrazione comunale per riportare la fruibilità di una zona turisticamente strategica per la città come quella del Castellano e quali azioni vuole intraprendere l’amministrazione per riqualificare la zona;

– Quali azioni vuole intraprendere l’amministrazione comunale per garantire la sua pulizia;

– Se intende dotare l’area di servizi igienici pubblici ed acqua corrente;

– Se intende migliorare la dotazione di servizi per la raccolta differenziata;

“Si chiede risposta in Consiglio Comunale” afferma il gruppo consiliare Pd.

 

(Letto 143 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 143 volte, 1 oggi)