ANCONA – La Giunta ha definito le modalità per la formazione di un elenco di avvocati del libero foro per l’affidamento di servizi legali. Una lista a cui fare riferimento per il conferimento di incarichi professionali per le attività di rappresentanza e difesa o di domiciliazione della Regione, solo nei casi in cui il servizio competente in materia di avvocatura non possa farvi fronte.

Un provvedimento fondato sul pieno rispetto della riforma dell’ordinamento forense e dei principi generali di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità e pubblicità.

Tale elenco, composto da persone dotate di comprovata capacità professionale e specifica conoscenza tecnica, potrà essere utilizzato se necessario anche dagli enti dipendenti dalla Regione. Tra i compiti conferiti, il patrocinio alle liti consistente nell’affidamento di un mandato a rappresentare e difendere l’amministrazione in giudizio in ipotesi di contenzioso in cui la Regione sia parte attiva o passiva e servizi di domiciliazione come il recapito degli atti e di accesso agli uffici giudiziari fuori sede.

Il conferimento degli incarichi agli avvocati del libero foro, che dovranno essere iscritti nell’apposito elenco, avverrà dopo il preliminare accertamento dell’impossibilità oggettiva di utilizzare gli avvocati interni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 99 volte, 1 oggi)