ROMA – Con le loro attività “davvero importanti”, i volontari hanno garantito un “supporto” alle comunità colpite dal terremoto del Centro-Italia e ora “possono fare davvero molto nel post-emergenza, se parliamo di ricostruire nel senso di fare prevenzione imparando dalle esperienze”.

Lo ha detto il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, parlando a Lucca al Festival del Volontariato, e spiegando che “i volontari possono essere sentinelle costantemente presenti, delle cartine di tornasole su ciò che funziona e ciò che deve essere potenziato nella quotidianità”.

“Possono davvero far fare uno scatto in avanti alla preparazione delle proprie comunità, aiutando, anche con una comunicazione chiara, semplice, condivisa, a comprendere correttamente i rischi e cosa ognuno di noi può fare per mitigarli”, ha concluso Curcio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 57 volte, 1 oggi)