ASCOLI PICENO – Appuntamento sociale ad Ascoli. Arriva “Il fascino delle antiche tastiere”.

Il progetto nasce con lo scopo di valorizzare e far conoscere ad un pubblico più vasto uno strumento particolare ed affascinante: il Clavicembalo, un tempo diffusissimo anche nella variante più contenuta, la Spinetta, e sul quale si sono formate generazioni e generazioni di musicisti (strumentisti e cantanti) fino alla seconda metà del ‘700.

La Prof.ssa Maria Puca, coordinatrice dell’Istituto Musicale “Gaspare Spontini”, avvalendosi della preziosa collaborazione del M° Alessandro Buca, ha pensato di articolare questo progetto in due fasi.

Nel primo incontro, giovedì 25 maggio alle ore 18 presso l’Aula Magna dello Spontini, avrà un orientamento più propriamente didattico con un breve tracciato storico del clavicembalo arrivando alla conoscenza pratica dello strumento e delle varie parti che lo compongono, dal momento che il M° Alessandro Buca è anche un costruttore di Clavicembali.

Il secondo incontro, previsto per il 21 giugno alle ore 18.30 presso la Sala Cola dell’Amatrice, gentilmente concessa dall’Amministrazione Comunale di Ascoli Piceno, è strutturato sotto forma di recital: si potranno ascoltare diverse tipologie di composizioni per clavicembalo tratte dai principali autori del barocco francese, tedesco e italiano.

Nel 60° Anniversario dell’Istituzione della storica Scuola di Musica Ascolana, questa iniziativa rappresenta un’ulteriore occasione di crescita formativa, culturale ed artistica che lo Spontini offre ai propri allievi e alla cittadinanza nel giorno della Festa Europea della Musica che ricorre proprio nel giorno del solstizio d’Estate.

La speranza è che a questi due incontri partecipino musicisti e appassionati e che si possa godere, anche con maggior consapevolezza, dei tesori musicali di un’epoca d’oro eseguiti su strumenti originali o copie storiche.

L’ingresso ai due appuntamenti è libero.

(Letto 109 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 109 volte, 1 oggi)