ASCOLI PICENO – Rilancio del Piceno in chiave turistica. Sostegno alle imprese che operano nel territorio e resistono malgrado le enormi difficoltà. Ma anche buona accoglienza che vuol dire, nel concreto della vita quotidiana, far trovare qualcosa che sa “di casa” alle famiglie che tornano, se non proprio nella loro abitazione almeno in una casetta che, comunque, sta vicino a quella che era loro dimora. E per questo fa allegria. Fa comunità. Fa famiglia e sa di cose buone e belle.

La Cna di Ascoli Piceno, con questa azione, è sempre più integrata in un percorso difficile ma carico di speranza. Tutto questo domenica 28 maggio: assemblea territoriale della Cna Picena. Dove si parlerà di rilancio del territorio. A cominciare dalle piccole cose che sono l’essenza della vita e del coraggio.

Cna e delegazione Ascolana della Croce Rossa italiana hanno operato per questo. Ogni famiglia che prenderà possesso di una casetta ad Arquata del Tronto troverà un pacco di buona accoglienza. Lo ha organizzato la Cri, con il suo sistema capillare e internazionale di solidarietà. Lo ha messo insieme la Cna di Ascoli Piceno con l’eccellenza dei propri produttori artigiani. “Segno di solidarietà per chi ha perso casa – spiega Francesco Balloni, direttore della Cna Picena – e segno di piccolo sostegno per le imprese del cratere che hanno avuto comunque un ordine che fa fatturato con le consegne che abbiamo commissionato e che commissioneremo di volta in volta che verranno consegnate”.

Un semplice pacco dono finanziato dalla Cri e confezionato dalla Cna con gli artigiani e i commercianti dello stesso territorio colpito dal sisma. Gesto semplice ma importante, come tutte le cose che si fanno con gli altri e, soprattutto, pensando agli altri. “Dare sostegno alla piccola imprenditoria  agroalimentare delle zone colpite  dal sisma, per dare uno slancio all’economia dei territori colpiti dal sisma e valorizzare i prodotti tipici locali – spiega Cristiana Biancucci, presidente della Croce Rossa di Ascoli –  E’  questo il senso dell’iniziativa lanciata dal Comitato della Croce Rossa di Ascoli Piceno in collaborazione con la Cri di Sassuolo. E la Cna di Ascoli  che ha ricercato le aziende agroalimentari del territorio. Una collaborazione nata dall’obiettivo comune di dare sostegno ai primi terremotati  che rientrano nei moduli abitativi di Arquata e Pescara del Tronto. Un gesto di accoglienza con un pacco solidale assemblato con specialità locali prodotte da aziende che esse stesse sono state colpite dal sisma. Dall’olio al vino alle confetture tutto il necessario da mettere nella nuova dispensa. Il nostro progetto dal titolo Insieme doniamo bontà vede la collaborazione, oltre dei due comitati, anche di due ristoranti, uno oltre oceano, a Denver, (Tennyson Denver di Christinne Parisi) e l’altro dell’Emilia Romagna (Ristorante Casa Parisi – Firenze a tavola) e con il sostegno dell’Osteria dei Girasoli di Sassuolo, segno che la solidarietà con ha confini”.

Tutto ciò sarà presentato dalla Cna Picena nel corso della propria Assemblea di domenica, quest’anno concomitante anche con la 13a Festa dell’Artigiano. “Sul cuor della terra, anima artigiana” è lo slogan che la Cna di Ascoli Piceno ha coniato per l’Assemblea elettiva dell’associazione che, quest’anno, si svolgerà in concomitanza con la 13a edizione della tradizionale Festa dell’Artigiano della Cna Picena. L’appuntamento è per domenica 28 maggio, alle ore 10,  all’Enoteca regionale di Offida. Gli ospiti saranno accolti dai saluti del presidente della Cna di Ascoli, Luigi Passaretti; da quelli di Gino Sabatini, presidente della Camera di Commercio; di Valerio Lucciarini De Vincenzi, sindaco di Offida, e da Sabina Cardinali, presidente di Fidimpresa Marche. Seguirà la relazione del direttore della Cna, Francesco Balloni, sulle azioni svolte dall’Associazione nell’ultimo anno e sulle prospettive future, sia in chiave territoriale che in un’ottica di sistema con le altre Cna della regione Marche.

Momento particolarmente significativo, la tavola rotonda, sui temi dello sviluppo del Piceno in chiave produttiva e soprattutto di rinnovata appetibilità turistica del territorio. Sull’argomento dibatteranno Mariano Cesari, presidente della Banca di Credito cooperativo Picena; Gianluca Gregori, prorettore Politecnica delle Marche; Anna Casini, vice presidente Regione Marche, Claudio Giovine, direttore della Divisione Economica e sociale della Cna nazionale. Saranno poi consegnati attestati e targhe agli artigiani iscritti da più tempo alla Cna e ci sarà il significativo momento della consegna del primo pacco a chi rientra nelle casette del comune di Arquata del Tronto.

Il pacco dono “targato” Cri e Cna Picena sarà composto da: vini delle aziende agricole di Castorano (Cameli Irene, Clara Marcelli, Aldo Di Giamoni e Allevi Maria Letizia); biscotti del Forno di Pio di Ascoli Piceno; Farina, pasta, miele e marmellata del Molino Santa Chiara di Ascoli Piceno; olio dell’Olivaio di Spinetoli; funghi, salse e sottoli di Ersilia Food di Acquasanta Terme.

Nel corso della giornata assembleare la Cna Picena svolgerà anche la tradizionale Festa dell’artigiano, giunta quest’anno alla 13° edizione. Riceveranno una targa ricordo per la loro militanza nelle file della Cna Picena: Patrizia Bartolomei, ceramista di Ascoli; Leandro Giuseppetti, impiantista di Ascoli, Antonio Ciccanti, edile di Castorano; Rosino Teodori, edile di Ascoli; Natale Maggiore, edile di San Benedetto; Mario Bastianelli, falegname di San Benedetto; Massimo Cosenza, pittore edile di San Benedetto. Targhe speciali, invece, per Giuseppina e Italia Pala, parrucchiere di Arquata del Tronto che stanno proseguendo la loro attività malgrado i danni del terremoto; e per Gino Sabatini, ex presidente provinciale della Cna di Ascoli e attuale presidente della Cna regionale delle Marche e della Camera di Commercio di Ascoli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 138 volte, 1 oggi)