ROMA – “Ci eravamo già sentiti con Neri Marcorè nei giorni delle scosse e mi aveva subito detto: voglio fare qualcosa per le Marche. Eccoci dunque a RisorgiMarche, un segnale concreto di ripartenza e di ricostruzione delle comunità che passa anche attraverso la Musica. Il significato e l’obiettivo sono restituire quei luoghi bellissimi e straordinari alle persone, riportare i turisti ad ammirare le bellezze artistiche e culturali dei dintorni, far rivivere e riappropriarsi di quei paesi“.

Così il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, il 5 giugno a Roma alla Casa del Jazz per la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa RisorgiMarche, il festival di solidarietà ideato e promosso dall’attore marchigiano che si articola in 13 concerti gratuiti, dal 25 giugno al 3 agosto, in altrettante date e località nei comuni del cratere.

“Si mette in moto quindi una macchina per il ritorno – ha proseguito il presidente perché la ricostruzione non è solo materiale e insieme stiamo tutti lavorando per una ripartenza. Dunque grazie a Neri Marcorè per quello che sta facendo. Lui comprende bene i tratti di questo dramma ma anche la voglia forte di rilancio. E’ un bellissimo regalo ai marchigiani e alle Marche”.

Alla conferenza stampa erano presenti anche l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni, alcuni sponsor e tre dei tredici protagonisti del Festival che nasce sull’onda dei Suoni delle Dolomiti, Niccolò Fabi, che aprirà RisorgiMarche, Luca Barbarossa e Toni Bungaro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 112 volte, 1 oggi)