ASCOLI PICENO – Sabato 10 giugno si è svolto il settimo evento dell’associazione DAS ANDERE, inserito nella rassegna culturale “Futuro-Passato. Oltre il già detto”. L’incontro ha visto ospiti di grande rilievo nazionale: gli architetti Guendalina Salimei e Rosario Pavia. La conferenza presentata dal tesoriere Luigino Guarini, è stato moderata dall’architetto Giuseppe Baiocchi.

La Ri-Costruzione oggi oltre a ripartire dal costruito, appunto, deve necessariamente possedere le normative anti-sismiche, con la figura dell’architetto vero collante tra la parte pubblica e la sfera privata.

L’architetto Salimei ha proposto il progetto “E-PICENTRO”: un cantiere di riflessioni sull’avvenire delle città vulnerabili in particolare in tutte quelle città del centro Italia. Il tema rigenerativo della progettazione urbana si pone al centro di questo progetto. L’urbanista Rosario Pavia ha parlato del “Waterfornt come infrastruttura ambientale”: ripartire – per le città costiere – da un riuso urbano di tutti quei manufatti esistenti sulla zona litoranea italiana e non svolgere continue riqualificazioni interne alla costa che non svolgono un vero ricongiungimento del tessuto urbano tra territorio e parte costiera, con quest’ultima spesso isolata.

Tale tematica, contrariamente alla politica di alcuni comuni della costa, è fondamentale per capire come poter sviluppare nuovamente un territorio duramente colpito, il quale non può e non deve pensare solo al turismo, come unica chiave per ripartire: senza l’approfondimento di tematiche scomode, non ci può essere ripresa.

A tal proposito, l’associazione è rimasta delusa per la mancata presa visione della mostra – di carattere nazionale – “Dueminutieventisecondi” con curatore Claudio Michetti e Massimo de Angelis, ignorata dal Comune di San Benedetto del Tronto.

Difatti la mostra presentava, oltre al carattere culturale-artistico di altissimo livello, anche un forte impatto sociale, con il ricavato da destinare ai terremotati di Acquasanta Terme. 
“Puntiamo ad una qualità, sempre molto alta dei nostri eventi e alcune amministrazioni non sempre hanno la sensibilità di capire determinati problemi, compiendo scelte politiche differenti. Noi siamo “Altro” appunto”, ha asserito il presidente Baiocchi.

La mostra sarà presto presentata al pubblico, attendendo anche il responso del comune marittimo, previsto per fine Ottobre, inizio Novembre.

L’associazione ringrazia l’Assemblea legislativa delle Marche per aver finanziato il progetto della giornata di Studi su “Ri-Costruire la città”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 51 volte, 1 oggi)