CASTORANO – Un importante riconoscimento per Castorano arriva direttamente da Roma. Giovedì 22 giugno il comune è stato premiato da Legambiente nella XXIV edizione dei Comuni Ricicloni, tra 50 comuni italiani e unico nelle Marche.

Il Sindaco Daniel Claudio Ficcadenti ha ricevuto la targa direttamente da Rossella Muroni, presidente di Legambiente, e dal Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti.

“Questo è un risultato impressionante  – ha commentato il primo cittadino – soprattutto se penso che prima che ci insediassimo Castorano raggiungeva appena il 24% di raccolta differenziata e oggi l’ 84%. Un obiettivo straordinario, ottenuto grazie allo spiccato senso civico dei cittadini, all’Amministrazione che ha creduto subito nell’importanza del riciclo e alla Consulta Giovanile che ha permesso il gioco di squadra per ottenere questo importante risultato”.

Lunedì partirà una lettera rivolta a tutti i cittadini di Castorano, per ringraziare tutti i cittadini per il grande impegno. “Il premio – ha aggiunto l’assessore all’Ambiente Graziano Fanesi – riguarda i Comuni non solo per la percentuale della raccolta, ma quelli con la minor quantità di rifiuti che vanno in discarica, ovvero l’indifferenziata. Un obiettivo che abbiamo raggiunto grazie  all’impegno degli Uffici comunali e dei ragazzi del Servizio Civile”.

Il risultato di Castorano è ancora più emblematico se si pensa che il Piceno non si trova propriamente ai primi posti per il conferimento sostenibile. Per il presidente della Provincia, Paolo D’Erasmo, questo è infatti  un traguardo bellissimo in termini di sfida culturale. “Se la provincia di Ascoli Piceno non è più ultima nelle Marche nel 2017 è grazie ai comuni come Castorano, Folignano e Offida. Ma rimane comunque penultima a causa dei comuni che sono rimasti al 40 % come Ascoli Piceno”.

L’assessore all’Ambiente di Folignano, Matteo Terrani, ha evidenziato che il loro lavoro di un comune virtuoso come il suo si è basato sulla differenziazione del rifiuto, sul corretto conferimento e soprattutto sul compostabile domestico, visto che il 20% dei cittadini possiede una compostiera.

“Grazie alla direzione sapiente dell’Ata – ha precisato l’Onorevole Luciano Agostini –  abbiamo alzato il livello del riciclo e potremmo averlo più alto se non fosse per Comuni come Ascoli Piceno. Questo non è più tollerabile. Inoltre inviterei il soggetto gestore a non standardizzare i servizi: chi vince l’appalto deve rispondere a delle esigenze precise dei comuni. Concludo anticipando ciò di cui si parlerà dei prossimi giorni: un riconoscimento in termini di abbassamento di tasse ai cittadini più virtuosi”.

Il Sindaco Ficcadenti ha terminato augurandosi che questo importante risultato venga apprezzato anche dalla minoranza.

(Letto 398 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 398 volte, 1 oggi)