ASCOLI PICENO – Si è conclusa con successo la sessione degli esami del corso biennale di “Operatore alla Ristorazione” in programma in questi giorni nelle aule del Centro Locale della Formazione di via Cagliari ad Ascoli.

I 15 allievi partecipanti hanno sostenuto le prove previste di fronte alla commissione esaminatrice composta dal presidente Floriano Tombolesi in rappresentanza della Regione Marche, dalla prof.ssa Marina Ottaviani e dallo chef Alessandro D’Addazio.

L’iniziativa formativa, attivata nell’ambito del programma ministeriale “Garanzia Giovani” nell’aprile 2015, ha inteso supportare il reinserimento nel sistema dell’istruzione pubblica di giovani del territorio (di età compresa dai 16 ai 18 anni) che si trovavano nella difficile condizione di drop-out, ovvero fuori dal ciclo ordinario scolastico o da percorsi di qualificazione professionale.

Il piano studio, in base alle linee guida del MIUR, si è articolato in due annualità di oltre mille ore ciascuna con lezioni di materie tradizionali (Italiano, Storia, Scienze integrate, Matematica&Informatica), professionalizzanti (Cucina, Cucina tradizionale e locale, Pizzeria, Pasticceria, Igiene, Merceologia) e lingue straniere (Francese e Inglese).

Un’esperienza importante nella formazione dei corsisti è stata la partecipazione a uno stage in ristoranti e pizzerie del Piceno durante il quale hanno potuto apprendere “i segreti del mestiere” direttamente da professionisti del settore.

Agli studenti che hanno superato con profitto le prove finali sarà rilasciato un attestato di qualifica professionale che permetterà loro di lavorare in ambito comunitario o di potersi iscrivere al IV anno della Scuola Statale Alberghiera e quindi di conseguire, successivamente, il diploma di maturità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 54 volte, 1 oggi)