ASCOLI PICENO – Nella serata del 12 luglio è stata approvata dai sindaci della provincia di Ascoli la ripartizione del piano delle opere pubbliche e quindi anche il piano scuole.

Al Comune di Ascoli Piceno arriveranno quasi 12 milioni di euro per le scuole comunali e provinciali.

Il consigliere comunale del Partito Democratico, Francesco Ameli, punta il dito contro il Comune: “Stupisce negativamente come l’amministrazione, purtroppo, abbia dichiarato di non voler partecipare alla votazione nonostante fosse presente. Pertanto dobbiamo ringraziare gli altri comuni (in particolare quelli che hanno subito più danni per il terremoto e non hanno 12 milioni di euro sul proprio comune) per aver votato a favore e averci dato la possibilità di 12 milioni di investimenti per le nostre scuole”.

Il capogruppo del Pd aggiunge: “Certo tutto ciò non risolve le problematiche derivanti dal terremoto, ma è altrettanto vero che sono momenti importanti per una città come quella di Ascoli Piceno. L’agenda dell’edilizia scolastica deve essere al primo punto non solo per Regione e Provincia ma anche per il Nostro comune. Questo l’impegno che dovremmo prenderci tutti, insieme”.

Ameli conclude il suo pensiero affermando:”Da Regione e Governo tra bandi ed investimenti sul comune abbiamo per ora 12 milioni per le scuole, 18 milioni per le periferie, 6 milioni sulla questione Iti. Totale: 36 milioni di investimenti. In compenso, da parte del Comune, solo silenzio“.

(Letto 111 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 111 volte, 1 oggi)