SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Ho iniziato lo sciopero della fame perché non posso assistere passivamente alla violenza che stanno facendo al mio territorio da oltre 20 anni e che prosegue nonostante il dramma del terremoto del 2016″.

Queste, le parole riportate dall’Ansa, di Enzo Rendina da San Benedetto del Tronto dove è ospite di un hotel insieme a molti altri terremotati, è Enzo Rendina, l’arquatano che per ultimo ha lasciato il paese ed è attualmente sotto processo per resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio, accuse che lo hanno tenuto in carcere due giorni lo scorso inverno.

Il 12 luglio è stato ad Arquata e ha preso la decisione di digiunare cibandosi solo di un po’ di miele e un po’ di frutta.

“Ma se non mi daranno ascolto sono pronto ad alimentarmi solo con acqua” si legge nella nota dell’Ansa. Nel mirino di Enzo Rendina i lavori lungo la Salaria nel territorio di Trisungo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.039 volte, 1 oggi)