ARQUATA DEL TRONTO – Entro il 31 luglio, la popolazione della frazione Colle di Arquata, dovrà far rientro presso le proprie abitazioni.

“I nuclei familiari che hanno ricevuto la classificazione A, totalmente agibile – spiega Michele Franchi, vicesindaco di Arquata – potranno far ritorno nelle proprie abitazioni. Inoltre, ridurremo le zone rosse di Spelonga, di Faete e le zone che sono rimaste nelle altre frazioni”

Dopo nove mesi di permanenza presso le strutture alberghiere, gli abitanti di Colle potranno riappropriarsi di una normalità, seppure stravolta dalla catastrofe causata dal terremoto.

Dopo la consegna delle Sae a Pescara, gli abitanti di Colle rappresentano la seconda comunità che torna a vivere ad Arquata. Questo rientro rappresenta un piccolo passo per un ritorno della popolazione arquatana nei propri territori, in attesa della consegna delle altre aree SAE e dei lavori di ripristino per le case classificate B.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 718 volte, 1 oggi)