VERONA – Al termine della gara terminata 2 a 1 per gli scaligeri, Mister Fiorin e De Santis, all’esordio in maglia bianconera,  commentano la gara col Chievo:

Mister Fiorin: “Alla vigilia avevamo detto che non saremmo venuti qui in gita e lo abbiamo dimostrato” – ha detto il tecnico – “I ragazzi hanno giocato per vincere; all’inizio forse c’è stato un po’ di timore reverenziale perché avevamo di fronte una squadra di Serie A, ma poi la gara è stata equilibrata, abbiamo preso gol su palla inattiva e dovremo rivedere l’azione per migliorare da questo punto di vista. Nel secondo tempo abbiamo avuto supremazia territoriale, di possesso e occasioni da gol. Se c’era una squadra che doveva vincere ai punti era l’Ascoli. Siamo contenti perché abbiamo visto una crescita che verifichiamo ad ogni partita. Oggi dobbiamo essere tutti contenti e i tifosi possono essere orgogliosi di questo gruppo. L’episodio del gol? Non commentiamo gli episodi perché così non si va avanti, ma anche noi, in occasione del 2-1 del Chievo, abbiamo visto un braccio sulla schiena di Varela, che lo ha sbilanciato facendolo cadere. Ora prepariamoci bene al campionato”.

De Santis: “È un brutto colpo per noi perché pensavamo di portare la gara ai supplementari. Non commento l’arbitraggio, ma oggi abbiamo la consapevolezza di aver giocato un’ottima gara.”

(Letto 112 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 112 volte, 1 oggi)