OFFIDA –  Il commercio è l’anima vitale della Città del Sorriso e, nonostante, il settore che risente per primo degli effetti negativi della una crisi economica che sta attraversando l’Italia, a Offida aprono nuove attività.

Due ragazzi giovanissimi di Cossignano, dei ventenni, entrambi dediti all’agricoltura sin da bambini e con un diploma di periti agrari, hanno deciso di investire in una nuova società agricola, la Poderi De Marte dei fratelli Capanelli Marino e Roberto proprio nel territorio offidano. Il loro frantoio, di ultimissima generazione, sarà in grado di estrarre olio a bassissime temperature, in assenza di ossigeno, per preservare ed esaltare al massimo le qualità organolettiche dell’oliva, puntando così alla produzione di un prodotto di eccellenza.

Proprio per facilitare l’insediamento di attività  agricole ma anche industriali, artigianali commerciali e turistiche, soprattutto da parte dei più giovani, l’Amministrazione offidana, nei mesi scorsi, ha messo in campo un nuovo regolamento approvato in Consiglio comunale lo scorso 4 giugno che è stato votato all’unanimità. Questo ha compreso una modifica dell’imposta comunale Iuc, con  l’Imu e la Tasi rimaste invariabili ma che sopratutto che riguarda la Tari, per le nuove attività offidane.

“Una agevolazione straordinaria – commenta il sindaco Valerio Lucciarini – per chi si insedia con un’attività produttiva, di avere un azzeramento della Tari, per tre anni consecutivi. Abbiamo la consapevolezza di prendere decisioni importanti, e per queste ci siamo impegnati in campagna elettorale, con la maggioranza dei cittadini. Oggi si vedono i primi frutti”.

(Letto 1.751 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.751 volte, 1 oggi)