ASCOLI PICENO – In centinaia hanno preso parte nella mattinata del 29 ottobre alla ‘Marcia del ritorno’, organizzata dalla rete ‘Terre In Moto’ a un anno dal sisma per denunciare “le gravi responsabilità nella fallimentare gestione dell’emergenza, gli enormi ritardi nella rimozione delle macerie e nella consegna delle casette”.

E’ stato il primo corteo a sostegno delle popolazioni terremotate ad attraversare l’area del cratere. La marcia è partita dalla frazione di Maddalena di Muccia per raggiungere Pieve Torina: ha collegato così due dei comuni maggiormente colpiti della zona, ma idealmente ha voluto toccare tutti i paesi e i borghi del territorio segnato dal sisma dello scorso anno. “Tornare, resistere, ricostruire” lo slogan dello striscione di apertura.

(Letto 59 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 59 volte, 1 oggi)